All newsAltri eventiAltri SportBrandEconomia E PoliticaEventiIstituzione e AttualitàPubblicitàPunto e a CapoSponsorshipSport BusinessSport CitySport.BusinessStadi di calcio

I team professionistici investiranno 10 miliardi di dollari negli stadi entro il 2030

(di Emanuele de Laugier) – I team professionistici delle maggiori leghe americane (NBA, NFL, MLB, NHL e MLS) sono pronti a investire più di 10 miliardi di dollari nell’impiantistica entro il 2030. Le leghe sportive si sono già assicurate le entrate per la vendita dei diritti di trasmissione ai media nazionali. Ora le squadre vogliono incrementare i guadagni in altre aree. Un settore riguarda la costruzione di arene nuove e rinnovate, soprattutto perché i team possono incassare ricchi introiti tramite sponsorizzazioni e sui diritti sul nome dei nuovi edifici. C’è anche la possibilità di creare un massiccio sviluppo immobiliare nei pressi dei nuovi stadi (acquistando prima i terreni), come stanno facendo i Milwaukee Bucks (NBA) e gli Atlanta Braves (MLB).

Negli ultimi 20 anni i team hanno massimizzato i guadagni derivanti dall’impiantistica aggiungendo suite aziendali e sempre più posti a sedere. Gli esperti del settore prevedono che gli stadi di prossima generazione avranno una capienza minore rispetto a quelli attuali e si concentreranno maggiormente sulla fornitura di posti a sedere “premium” per soddisfare la domanda di mercato (come ad esempio le suite, al livello del campo di gioco, del Globe Life Field, “casa” dei Texas Rangers/MLB). Infatti le squadre stanno già creando piani per rendere unica l’esperienza all’arena per il tifoso. “Stiamo gareggiando contro le TV da 80 pollici nei salotti”, ha detto il proprietario dei New York Islanders (NHL) Jon Ledecky, che ha inaugurato nel novembre 2021 la UBS Arena da 1 miliardo di dollari. “Tutti i nuovi stadi dovranno dare ai fan una ragione per alzarsi, prendere la macchina e andare all’evento. Se non verrà offerta un’esperienza di prima classe, i tifosi rimarranno a casa a guardare la partita”, ha aggiunto Ledecky.

A dare una mano a rendere l’esperienza allo stadio unica, sicura e innovativa sarà la tecnologia, adoperata in diversi campi: l’uso della tecnologia ecosostenibile con stadi a emissioni zero ed alimentati da energia elettrica e solare (Climate Pledge Arena); l’utilizzo della tecnologia sanitaria, dato il periodo storico, con sistemi di filtraggio dell’aria che eliminano i germi (UBS Arena); l’impiego della tecnologia sulle concessioni automatiche avvalendosi del sistema “grab and go” di Amazon, che permette al cliente di prendere da solo gli articoli e di pagarli automaticamente senza fare la coda alla cassa (Climate Pledge Arena, Intuit Dome).

 

 

 

Previous post

Bitpanda nuovo sponsor di maglia della Federugby 

Next post

La NFL lancia la prima collezione di NFT per i fan di football americano

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.