Brasile 2014

FIFA – Blatter: Il Mondiale in Brasile? Forse un errore

Dodici le sedi scelte per ospitare le partite ufficiali del Mondiale, ma le agitazioni di piazza avvenute durante l’ultima Confederations cup preoccupano la FIFA. Secondo quanto riportato dalla testata “QN”, Blatter intende ridurre da 12 a 10 le host-city ufficiali. I nomi delle due “escluse” usciranno da una attenta analisi di queste 4 piazze: Manaus (Arena Amazonia: 42.377 posti); Cuiabà (Arena Pantanal: 42.968 posti); Curitiba (Arena di Baixada: 41.456 posti) e Natal (stadio das Dunas: 42.086 posti). Queste quattro località sono state colpiti più di altre dai moti di piazza e quindi destano più di una preoccupazione in seno alla FIFA. 


Confermate invece le altre 8: Brasilia (stadio Nacional: 70.984); San Paolo (Arena di San Paolo: 55.807); Porto Alegre (Stadio Beira-Rio: 48.849); Fortaleza (Stadio Castelaro: 64.165); Recife (Arena Pernambuco: 44.248); Salvador (Arena Fonte Nova: 48.747); Belo Horizonte (Stadio Mineirao: 52.547); Rio de Janeiro (Stadio Maracanà: 75.694). 

Guai e pensieri nella mente di Blatter, il numero della FIFA. Le tensioni socio-politiche del Brasile (sede della FIFA world cup 2014) e le problematiche climatiche (non facilmente risolvibili) di Qatar 2022 stanno preoccupando sempre più l’organo di governo del calcio mondiale. Se per Qatar2022 c’è ancora tempo ed una delle strade percorribili è quella di giocare d’inverno (come aveva proposto diverso tempo fa Michel Platini, presidente Uefa), per il Mondiale verde-oro manca meno di un anno. 

Previous post

IziPlay sulle maglie del Genoa CFC per il 4 anno, Lotto lo sponsor tecnico

Next post

Quando il Rugby diventa Subbuteo!

Marcel Vulpis

Marcel Vulpis

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.