All newsAltri eventiAziendeBrandCalcioCalcioCalcio.InternazionaleEconomia E PoliticaEmergenza CoronavirusEURO 2020Europei di calcioEventiFederazioni ItalianeFIFA - UEFAPartnersPrurito calcisticoPubblicitàPunto e a CapoSponsorshipSport Business

“Casa Azzurri”, progetto itinerante per la promozione del marchio FIGC

Prosegue il progetto di ospitalità della Federcalcio in chiave Euro2020. Dopo il successo di “Casa Azzurri” a Roma (negli spazi di “PratiBus District”), la città di Monaco, sede dei quarti di finale (questa sera l’Italia di Roberto Mancini affronterà il Belgio) ha aperto le porte alla spedizione italiana (ora attesa a Londra nella “Final Four”). Nel progetto della FIGC, già prima dell’emergenza sanitaria, c’era l’idea di un format itinerante (seguendo, passo dopo passo, le imprese sportive degli azzurri) e aperto, per la prima volta, al pubblico. Anche in trasferta, pertanto, è stato creato un punto di ritrovo per i partner della Federazione e tutti i tifosi italiani presenti in Germania (oltre agli ospiti della Federcalcio è prevista una quota di pass per i supporter tricolori). Casa Azzurri, anche nella versione “on tour”, è sponsorizzata dai 31 partner della Nazionale (a partire da Puma e dai quattro top spender: Eni, TimVision, Poste Italiane e Fiat). L’iniziativa interamente coperta dagli sponsor, ha coinvolto a Roma, dal 10 al 20 giugno, più di 12mila appassionati di calcio (la maggior parte dei quali tramite l’app Casa Azzurri). Per diversi giorni, su Google Play, è stata anche al 4° posto nella classifica nazionale delle applicazioni più scaricate nella categoria “eventi”.

I numeri di “Casa Azzurri

 Sui social è stato superato il muro dei 22 milioni di visualizzazioni. Sempre nello stesso periodo sono stati distribuiti 75mila gadget e consumati 2.280 pasti. Oltre a ciò sono stati venduti più di 1.000 prodotti della Nazionale nello store ufficiale Puma (sponsor tecnico fino al 2022). I numeri di Casa Azzurri sono arricchiti da 20 workshop tematici e dai 7 concerti live in palinsesto (sul palco si sono esibiti, tra gli altri, i Negramaro, Alessandra Amoroso, Nek, Arisa e il cantautore Ermal Meta).

Ogni giorno gli speaker di Radio Italia (partner storico delle nazionali) hanno intrattenuto gli ospiti tra piano bar, dj set e karaoke, coinvolgendo il pubblico con giochi a premi su temi musicali (oltre che calcistici).

Pass di accesso per nuovi partner

 Il progetto in esame ha permesso ad alcuni brand, al di fuori dei tradizionali format commerciali, di avvicinarsi al mondo della Federcalcio. Uno di questi è Calia Italia, realtà lucana (l’azienda di Matera è la più antica nel distretto del mobile imbottito), fornitore di divani e poltrone di design e tendenza. I prodotti, presenti nei 5mila metri quadrati dell’area ospitalità capitolina, sono stati utilizzati anche per il media center presso il Centro tecnico federale di Coverciano.

Sempre Casa Azzurri è stata l’occasione per coinvolgere, in una serie di iniziative, il colosso Samsung, entrato come partner della Nazionale lo scorso mese di maggio, o ancora i Ministeri del Turismo e dell’Agricoltura.

Il futuro del progetto azzurro

 Quanto è avvenuto in queste ultime settimane diventerà spunto di riflessione, da parte dell’area marketing della Federcalcio, per studiare nuove iniziative, rivolte alla fan base azzurra, in vista del prossimo appuntamento: i Mondiali di calcio di Qatar2022. L’occasione è unica perché, proprio la selezione maggiore, può diventare un brand ambassador per la promozione e visibilità delle tante imprese italiane presenti nell’area dei “paesi del Golfo”. La Nazionale è da sempre, insieme al marchio Ferrari e alla bandiera tricolore, uno dei simboli del made in Italy nel mondo. Un nuovo progetto “on tour”, con un taglio economico-industriale, potrebbe intercettare nuovi sponsor ancora tiepidi rispetto al prodotto calcio.

Previous post

Poker di sponsor cinesi per Euro2020. Uefa Euro2020 parla "mandarino"

Next post

Cesena FC e Acqua Dolomia insieme fino al 2023

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.