All newsAltri eventiCalcioEconomia E Politicahome pageIstituzione e AttualitàPrurito calcisticoPubblicitàPunto e a CapoSerie A - Serie B

StageUp-Ipsos: Napoli primo club italiano per crescita (+61% in 5 anni)

Secondo la ricerca “Sport Fans” di StageUp e Ipsos, il club partenopeo è primo nell’incremento dei tifosi con una crescita del 61% nel quinquennio 2011-2016. La Juventus, oltre 8 milioni di fan, si conferma la squadra con il più grande bacino di tifo. Oscar della “simpatia” per la Roma.

indagine-StageUp-Ipsos-calcio-tifosi-serieA-FR

I fan partenopei sono infatti passati da 1.809.000 nel 2011 a 2.910.000 nel 2016, con un incremento del 61%. Seguono il Napoli, il Bologna (211.000 tifosi nel 2011 e 334.000 nel 2016, +58%) e la Lazio (passata da 425.000 a 622.000 tifosi, +46%). La supremazia del Napoli nasce dai risultati ottenuti ma anche dall’affermarsi di nuovi eroi rappresentativi del Team, dal Presidente De Laurentis, a campioni come Higuaìn e Callejòn.

Numero dei tifosi e simpatizzanti al termine della stagione 2015/16

Al termine della stagione 2015/16, Sport Fans conferma la Juventus come squadra più amata dagli italiani, con i suoi 8.316.000 tifosi, seguita da Milan (4.201.000), Inter (3.934.000), Napoli (2.910.000) e Roma (1.906.000). Il bacino del tifo bianconero si conferma nazionale: appena il 13% dei tifosi risiede in Piemonte, il 17% nel Nordest, il 14% al Centro e il 40% al Sud e sulle Isole.

La Roma capeggia la classifica dei simpatizzanti, è cioè il Team verso cui più si orienta il sostegno dei tifosi dopo quello per la squadra del cuore. I giallorossi sono in testa con 3.405.000 preferenze (di cui il 55% donne), seguiti dalla Juventus (3.081.000), dal Milan (2.637.000), dal Napoli (2.601.000) e dall’Inter (2.572.000). La performance dei giallorossi trova certamente spunto, anche in termini di target, dalla notorietà e dalla simpatia unisex di Francesco Totti. Il “Capitano”, secondo la ricerca “Top Star”, è infatti il calciatore in attività più conosciuto, con una notorietà spontanea del 97%.

Tifo, acquisto dei pacchetti televisivi e ricordo degli sponsor

“Sport Fans” è realizzata unitamente (single source) con la più nota ricerca “Sponsor Value”, l’Auditel degli eventi sportivi che analizza la loro forza comunicazionale e commerciale. Questo permette, caso unico nel mondo delle ricerche sul calcio, di approfondire i comportamenti commerciali dei tifosi sia nel loro complesso che in relazione ad uno specifico bacino di club.

Tra gli innumerevoli dati possibili di particolare interesse vi è il comportamento in relazione agli abbonamenti televisivi pay: i tifosi che spendono di più per vedere in tv la loro squadra sono quelli della Roma. Il 54% dei tifosi romanisti possiede almeno un pacchetto televisivo a pagamento, seguiti dai fan del Bologna (48%) e dell’Atalanta (47%).

Da sottolineare anche la percentuale di tifosi che ricorda spontaneamente lo sponsor principale della propria squadra, che è in media del 55%, con un’opinione sul brand sponsor molto più positiva della media della popolazione nazionale.

Una immagine dello screenshot della pagina creata per sviluppare e-commerce in Cina

Una immagine dello screenshot della pagina creata per sviluppare e-commerce in Cina

«La ricerca “Sport Fans” spiega Federico Gaetano, presidente di StageUp evidenzia che la vicinanza ad un club calcistico, contrariamente a quanto usualmente si tende a pensare, è un fenomeno sottoposto a cambiamenti nel corso del tempo. L’analisi sui trend degli ultimi cinque anni riteniamo interpreti il desiderio degli italiani di assistere a Campionati contraddistinti da equilibrio e spettacolo. È in questa prospettiva che premiano il Napoli e la Roma come competitori delle grandi del Nord e vedono con grande simpatia club medi ambiziosi e ben gestiti come Bologna e Torino. È importante sottolineare che “Sport Fans”, unica ricerca in ambito calcio, permette di approfondire il rapporto tra tifo e comportamenti commerciali, un elemento essenziale per la ricerca dell’equilibrio economico dei club attraverso la ricerca del gradimento di prodotti e servizi esistenti ma anche con l’individuazione di nuove esigenze e opportunità di sviluppo“.

Previous post

La lista dei sottosegretari del Governo Gentiloni

Next post

Offerta indecente dalla Cina per Cristiano Ronaldo: 300 mln di euro

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.