All newsAltri eventiAltri SportEditorialihome pageIstituzione e AttualitàNuotoOlimpiadiRio 2016Sport Business

Pellegrini perde le staffe sui social e dà del “coglione” ad un fan

Alle 15:46 di oggi è andato in onda in Rete un vero e proprio “social-trash”. La cronaca del fattaccio: Federica Pellegrini, dopo il 4° posto nella finale femminile 200 metri stile libero (trasmessa sulle reti Rai alle 3:19 italiane), decide di gareggiare, senza successo (le quattro azzurre sono arrivate 13ime con un tempo di 7:57.74 nelle batterie della 4×200 SL), rinunciando, però, ai 100 metri SL.

La rinuncia trova una spiegazione tecnica nella vicinanza tra le due prove, ma molti tifosi italiani restano con l’amaro in bocca.

Da qui la polemica su Twitter con un fan (@callloggero), che sottolinea come @mafaldina88 (profilo ufficiale dell’atleta veneta) non avrebbe dovuto perdere questa occasione a cinque cerchi. Il nervosismo sale alle stelle e dopo un po’ arriva, a sorpresa, una caduta di stile: ….Coglione mi sono ritirata dai 100 perché mezz’ora dopo ho la staffetta 4×200…e voglio dare il massimo lì”.

Per ore, tra l’altro, @callloggero diventa un “trend topic” anche se in negativo. L’account di questo tifoso viene bersagliato, per ore, da insulti di vario tipo, dimostrando, ancora una volta (per chi ne dubitasse), come i tanti popolari social, se mal utilizzati, diventano una “fogna a cielo aperto” o, peggio ancora, una “gogna mediatica” senza fine.

Una cosa è certa: una campionessa (anche se nervosa, sfiduciata e frustrata) non deve mai offendere i suoi fan. Cosa sarebbe infatti se non fosse più seguito dai supporter?

Sarebbe bello se @mafaldina88 retweettasse, tra una gara e l’altra, un semplice: “scusa @callloggero oggi forse ho esagerato, ma grazie per il tuo interesse a prescindere”

Lo vedremo questo tweet? Ai posteri di Rio2016 l’ardua sentenza. 

Previous post

A Rio si gioca, ad Aleppo si muore di stenti. In arrivo in Europa 1 milione di profughi

Next post

Di Francisca e Innocenti nuovi argenti dell'Italia Team

Marcel Vulpis

Marcel Vulpis

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.