All newsAltri eventihome pageIstituzione e AttualitàOsservatorio PoliticoParlamento e GovernoRoma 2024

Meloni (Fdi) sostiene Roma2024 e “sogna” la candidatura per il centro-destra

Il gruppo dei parlamentari di Fratelli d’italia (FdI) guidati dal deputato Giorgia Meloni ha presentato una mozione al governo Renzi sul tema di Roma2024. Di fatto FdI sostiene la candidatura olimpica della Città Eterna pur determinando l’importanza di un referendum. Questa “apertura” della Meloni per il progetto Roma2024 fa prevedere la possibile discesa in campo del politico della Garbatella come candidato sindaco della Città Eterna per la coalizione di Centro-Destra. Ufficialità che potrebbe arrivare, nei prossimi giorni, sull’onda di questa dichiarazione. Se questo rumour fosse confermato verrebbero a cadere le ipotesi Bertolaso (ex capo della Protezione civile) e Marchini (sostenuto dal senatore ex NCD Augello).

La Camera,
   premesso che:
    il 16 settembre 2015 è stata ufficializzata da parte del Comitato olimpico internazionale l’accettazione della candidatura della città di Roma ad ospitare le Olimpiadi che si svolgeranno nel 2024;
    oltre a Roma, sono ora ufficialmente candidate anche le città di Budapest, Los Angeles e Parigi, dopo che Amburgo, nel mese di novembre 2015, si è ritirata, in attesa che, nel settembre 2017, sarà effettuata l’assegnazione definitiva dei Giochi;
    Roma ha ospitato i Giochi olimpici nel 1960 e, da allora, ha presentato la propria candidatura sia per la competizione del 2004, in cui si è classificata seconda, sia nella selezione per i Giochi del 2020, candidatura successivamente ritirata dal Governo Monti;
    i Giochi Olimpici rappresentano il più importante momento di agonismo sportivo a livello mondiale, comprendono decine di discipline, coinvolgono centinaia di atleti e costituiscono un momento di grande lustro e visibilità per la nazione che li ospita;
    non si tratta, infatti, solo di un grande evento sportivo, ma anche di un’occasione unica per proporre al mondo le ricchezze artistiche e culturali del Paese, nonché un momento in grado di rilanciare a livello globale l’immagine dell’Italia;
    lo sport è uno strumento di inclusione e crescita sociale, incarna alcuni dei valori fondamentali della convivenza civile e una sana competizione sportiva educa all’impegno, alla determinazione e al confronto leale tra avversari;
    laddove l’Italia dovesse risultare vincitrice della competizione sulla sede dei Giochi del 2024 le gare si svolgerebbero in diverse sedi del territorio nazionale ma con un’importante prevalenza nei siti della capitale;
    appare a tal fine indispensabile la riqualificazione dell’intero patrimonio impiantistico sportivo di Roma, che comprende, tra gli altri, lo Stadio Flaminio, il Palazzetto dello Sport di Viale Tiziano, lo stadio delle Aquile e l’area dell’Acqua Acetosa, il Complesso del Foro Italico, con annessa l’area monumentale e i mosaici;
    nell’ambito di un simile piano di recupero e valorizzazione dovrebbe, inoltre, essere trattata la spinosa vicenda dell’area di Tor Vergata, vicenda che non può essere separata dalla discussione in merito all’ubicazione di grandi complessi sportivi che sta alimentando il dibattito in questi anni, compresa quella riguardante l’ipotesi della realizzazione di uno o più stadi di calcio da parte di società private che impone una riflessione sui destini dello stadio Olimpico;
    all’atto della formalizzazione delle candidature il presidente del Comitato olimpico internazionale ha espresso la volontà che «le città candidate mostrino come i Giochi si possano adattare alle loro strategie a lungo termine»;
    gli interventi realizzati a qualunque titolo per ospitare gli allenamenti degli atleti e le relative gare nell’ambito dei Giochi Olimpici dovranno in ogni caso privilegiare un’ottica di manutenzione della città e di miglioramento degli impianti sportivi esistenti, al fine di limitare al massimo l’impatto economico e ambientale dei Giochi e garantirne l’utilizzabilità sportiva una volta finiti gli stessi, anche per sostenere l’attività di base e gli impianti in periferia;
    la progettazione e la realizzazione degli interventi dovranno essere oggetto di approfondite verifiche dell’impatto ambientale, anche al fine di una riduzione degli sprechi e dell’inquinamento;
    l’aggiudicazione delle Olimpiadi 2024 costituisce una sfida strategica, capace di garantire un’importante opportunità di rilancio per la capitale, macchiata negli ultimi mesi da scandali e inefficienze;
    il presidente del Comitato olimpico internazionale ha dichiarato che il Comitato olimpico internazionale darà «un contributo di 1,7 miliardi di dollari in cash e servizi per il successo di questi Giochi»;
    in base alle regole dettate dal Comitato olimpico internazionale per le candidature, le città che si presentano dovranno «dimostrare di rispettare i principi della Carta Olimpica e quelli riportati nel contratto siglato, che impegna le concorrenti a battersi contro la discriminazione sessuale e per favorire il rispetto della libertà dei media e del diritto del lavoro in termini di salute, sicurezza, protezione dell’ambiente e ad adottare leggi contro la corruzione»,
impegna il Governo:
   a sostenere e a promuovere in ogni sede e con il massimo impegno la candidatura di Roma ai XXXIII Giochi Olimpici e ai XVII Giochi Paralimpici del 2024, nell’ambito di una politica di sviluppo economico e crescita anche culturale dell’Italia;
   a non disattendere il risultato di un’eventuale consultazione dei cittadini, sotto forma di referendum, indetta dall’amministrazione capitolina;
   ad adoperarsi, per quanto di competenza, affinché all’amministrazione capitolina sia garantita l’autonomia necessaria a operare secondo criteri di sostenibilità economico-finanziaria, ambientale, di riqualificazione urbana e recupero dell’esistente, di accessibilità dei luoghi e delle strutture a tutti i cittadini, normodotati e diversamente abili, di trasparenza e rigore amministrativo;
   in questo ambito, ad assumere iniziative volte ad assicurare l’abbattimento delle barriere architettoniche ancora presenti nelle strutture sportive e nelle altre strutture pubbliche destinate ad accogliere lo svolgimento di attività motoria;
   ad assumere iniziative per favorire la collaborazione di tutti gli enti coinvolti dalla realizzazione dei Giochi con l’Autorità nazionale anticorruzione, affinché possano essere espletati, con la massima efficienza, i controlli necessari su tutte le procedure di gara;
   a vigilare sul corretto utilizzo delle risorse finanziarie e affinché la candidatura stessa, e la successiva fase organizzativa, siano condotte nel pieno rispetto delle normative vigenti e delle procedure ordinarie;
   a garantire che la presenza delle Olimpiadi e, quindi, di una competizione sportiva tra i più grandi atleti del mondo, corrisponda a un beneficio per tutti i cittadini italiani coinvolti nei territori ospitanti gli eventi con un programma di manutenzione o realizzazione di palestre scolastiche a norma per tutti gli edifici scolastici pubblici, anche attraverso forme di sussidiarietà volte a intercettare capitali privati;
   in questo quadro, ad assumere iniziative per provvedere alla prevista introduzione obbligatoria dell’educazione motoria nella scuola primaria e per favorire in ogni modo – anche in collaborazione con le federazioni e gli enti di promozione sportiva – la diffusione della pratica sportiva, anche nella terza età, promuovendo principi di vita sani tali da migliorare la qualità e le aspettative di vita per ogni persona.
(1-01110) «Rampelli, Giorgia Meloni, Cirielli, La Russa, Maietta, Nastri, Taglialatela, Totaro».

Previous post

Fiorucci partner del Rugby Azzurro al 6Nazioni

Next post

Bianchi (Area Popolare) accende luce verde su Roma2024

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.