All newsAltre LegheAltri eventiCalcioCalcioCalcio.InternazionaleDigital Media SportDiritti di immagineDiritti TelevisiviEconomia E Politicahome pageIstituzione e AttualitàLiga SantanderPartnersPrurito calcisticoPubblicitàPunto e a CapoSponsorshipSport Business

La Liga spagnola internazionalizza #ElClasico nel mondo. Fan Engagement in località esclusive

(di Marcel Vulpis) – Bellissima operazione de LaLiga, che si presenta sui mercati internazionali con una operazione di lungo respiro, dimostrando visione di scenario, lungimiranza e capacità di fare engagement con vecchi e soprattutto nuovi tifosi. Un guanto di sfida per la nostra Lega calcio serie A, ancora alla ricerca di un nuovo presidente, dopo l’ufficialità del commissariamento per sei mesi. Certamente un altro semestre perso nella “competizione” internazionale con le altre top league europee. 

#ElClásico fra Real Madrid CF ed FC Barcelona (vinto al 90° con rete di Leo Messi), giocatosi al Santiago Bernabeu lo scorso 23 aprile, non ha entusiasmato solo gli spettatori presenti allo stadio, ma anche i fans di tutto il mondo, che hanno potuto assistere e vivere questo big match a New York (USA), Luanda (Angola), Cina e Salonicco (Grecia). LaLiga, infatti, nell’ambito della propria strategia di internazionalizzazione, ha organizzato degli eventi esclusivi in queste città per permettere ai propri fans worldwide di vivere una esperienza indimenticabile.

Per la prima volta ElClásico “si è svolto” a New York, in una terrazza su la Fifth Avenue di Manhattan, dove LaLiga, insieme con BeIn Sports, ha accolto più di 1.500 tifosi che oltre a godere della vista panoramica hanno incontrato Raul Gonzalez (country manager de LaLiga in USA ed ex stella del Real Madrid) e Gianluca Zambrotta (ambasciatore dell’ FC Barcelona) intrattenendosi fra stand ed esposizioni (conoscendo nei dettagli la storia del campionato spagnolo di calcio).

A più di 10.000 km di distanza dal Bernabeu, la stessa passione è giunta nella capitale dell’Angola dove, in un grande evento organizzato nella spettacolare Bahia De Luanda, i tifosi presenti hanno guardato la miglior partita di calcio del mondo sugli schermi offerti dal broadcaster ZAP, con musica dal vivo, una grande esposizione di magliette, attività  di engagement, come selfie corner ed un mini campo di calcio, condite dalla presenza di Frédéric Kanouté, ambasciatore de LaLiga ed ex attaccante del Sevilla.

Infine circa 1.000 rifugiati siriani si sono goduti lo spettacolo a Salonicco negli spazi di Helexpo, vivendo una giornata indimenticabile animata da attività sportive e culturali a cui hanno partecipato Javier Tebas (Presidente de LaLiga), Carles Puyol (Ambasciatore e stella del Barcelona), Jaume Roures e Yiannis Mouzalas (Ministro dell’ Immigrazione della Grecia).

Dunque, il fascino del Clásico ha fatto il giro del mondo, dimostrando al meglio quanto il calcio (e lo sport in generale) ha il potere di cambiare il mondo e portare allegria anche nei momenti difficili, abbattendo le distanze, le barriere culturali e ponendo al centro il tifoso.

Fonte: LaLiga (area marketing – sviluppo internazionale) – www.laliga.es
Foto: Fornite da LaLiga

Previous post

Nike celebra i 25 anni di Francesco Totti con la AS Roma

Next post

Derby Verona-Torino per la seconda edizione del premio Fair Play Finanziario Sporteconomy

Marcel Vulpis

Marcel Vulpis

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.