All newsAltri eventiAltri impiantiAltri SportAziendeConiDigital Media SportDiritti di immagineEconomia E PoliticaFederazioni Italianehome pageIstituzione e AttualitàPubblicitàSport BusinessSport Federazioni

Internazionali di tennis: contenitore da 94 milioni di euro

Una ricerca commissionata da Federtennis all’Università LUISS-Guido Carli e alla Ernst & Young, sull’impatto economico del torneo (Internazionali di tennis) sulla città di Roma, conferma la crescita di questo format sportivo.

L’Open d’Italia ormai è una vera e propria impresa: fattura più di 30 milioni di euro (+33% di crescita) e intercetta l’interessa di più di 200 mila spettatori contro i 192.817 paganti del 2015. Gli incassi della biglietteria, dal 2014 al 2016, sono passati da 6,2 a 10,5 milioni di euro. Ciò che impressiona è l’impatto “indiretto” della manifestazione sull’immagine della città.

Intanto nel 2015 le presenze complessive (inclusi i non paganti) sono state 266 mila per un totale di 83.130 spettatori “unici”. Tra questi, 75.868 sono italiani, di cui 56.094 residenti fuori Roma. Ciò, inevitabilmente, ha generato una serie di spese per trasporto, strutture ricettive, food and beverage, commercio e intrattenimento. A beneficiarne quindi è stato il turismo, che, a differenza di altre discipline sportive, tutto di buon livello.

In media lo spettatore degli Internazionali di tennis ha soggiornato a Roma e nel Lazio 3,3 giorni. Un giro d’affari stimato in 67 milioni per arrivare ad un valore complessivo (tra diretta ed indiretta) di 94 milioni di euro.
Dopo un “rosso” di 2 milioni di euro, la manifestazione è andata in pareggio nel 2005. Oggi si stima che il torneo possa chiudere con 10 milioni di utile (grazie anche al lavoro dell’area commerciale/marketing gestita da Diego Nepi).

Il direttore marketing del CONI, Diego Nepi Molineris - foto tratta dal web

Il direttore marketing del CONI, Diego Nepi Molineris – foto tratta dal web

Ogni spettatore produce 1.171 euro di valore di produzione.
La sfida ancora da vincere è quella social. Se si analizza l’onda di comunicazione su Twitter il torneo nel 2015 ha sviluppato più di 95 mila tweets (a 16 mila cinguettii, per esempio. dal Master di Madrid), ma ancora inavvicinabile è il volume digital messo in campo dal Roland Garros di Parigi, in programma tra pochi giorni.

L’Open d’Italia è seguito dal 16.7% di italiani, tutto il resto è generato come flussi di comunicazione da utenti di profilo internazionali. Il 73,27% dei commenti infine è positivo, solo il 7,59% è totalmente negativo.

Un'immagine dell'orologio Rolex - sponsor degli Internazionali di tennis d'Italia -BNL 2015

Un’immagine dell’orologio Rolex – sponsor degli Internazionali di tennis d’Italia -BNL 2016

Previous post

Flaminio: se il bando va in fumo pronto il CONI ad acquistare ad 1 euro e poi ad investire

Next post

Pirro sbanca in SBK al CIV nei round 1 e 2 di Vallelunga

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.