All newsAltre LegheAltri eventiAltri SportCalcioCalcio.InternazionaleEconomia E Politicahome pageIstituzione e AttualitàOsservatorio Politico

Il senatore Mitchell nell’advisory del progetto ACL

MP & Silva, l’azienda internazionale promotrice dell’Americas Champions League (ACL), ha inserito nel suo advisory board l’ex senatore George Mitchell (nella foto) come nuovo membro del progetto, assieme a Paul Tagliabue, ex Commissioner della National Football League.

La Americas Champions League, progetto creato e gestito da MP & Silva, è una nuova competizione che coinvolgerà le squadre del Nord, del Centro e del Sud America, con l’obiettivo di creare uno spettacolo di alto livello e di portare i club più prestigiosi del continente a collocarsi al livello delle migliori squadre europee. L’intento è quello di replicare in America il successo della Champions League europea.

Di fondamentale importanza, non solo per la crescita del progetto ACL, la presenza e il lavoro del Senatore Mitchell.

Dopo essere stato per quindici anni Senatore e per sei anni a capo dei Senatori “Democratici”, Mitchell ha ricoperto prestigiosi incarichi nel mondo della politica e dell’economia americana. Nel 2009 è stato nominato dal Presidente USA Barack Obama Emissario Speciale degli Stati Uniti in Medio Oriente, incarico che ha ricoperto per due anni. Dal 2004 al 2007 ha invece ricoperto la carica di Presidente della Walt Disney, mentre di recente è stato Presidente dello studio legale DLA Piper.

L’ex senatore Mitchell ha commentato: “La Americas Champions League è un progetto con grande potenziale ed offrirà opportunità commerciali inesplorate. Il progetto sta arrivando alla sua definizione nel momento giusto. Vogliamo dare inizio a una competizione di calcio che sia completamente trasparente, professionale e che aiuti i club, senza per questo entrare in contrasto con le altre competizioni esistenti”. Si calcola che la competizione potrà generare ricavi per 440 milioni di dollari, che saranno suddivisi ogni anno tra le squadre di tutto il continente.

Riccardo Silva, fondatore di MP & Silva, ha detto: “È un piacere ed un onore dare il benvenuto a George Mitchell in MP & Silva e nell’Americas Champions League. Il nostro impegno è di creare una competizione sportiva innovativa, unica, di alto valore sportivo ed economico, per il beneficio di squadre e tifosi di tutto il continente, e con i più alti standard di trasparenza e qualità. La grande esperienza di George Mitchell aggiunge ulteriore valore al nostro progetto”.

Paul Tagliabue, ex Commissioner della National Football League: “Sono onorato di fare parte di questo progetto. Stiamo lavorando per fare in modo che i club di Nord e Sud America possano competere allo stesso livello della Uefa Champions League”.
MP & Silva è una media company leader a livello internazionale che possiede, gestisce e distribuisce diritti televisivi e media ad alcuni dei più prestigiosi eventi sportivi in ​​tutto il mondo. Con un fatturato annuo di oltre 720 milioni di dollari, il portafoglio di MP & Silva comprende la Coppa del Mondo FIFA 2018 e 2022, UEFA EURO 2016, Serie A TIM, Premier League inglese, Liga spagnola, Ligue 1 francese, l’Emirates FA Cup, Copa America del 2015, Copa Libertadores, Copa Sudamericana e Coppa del Brasile, brasiliano lega nazionale (Brasileirão), Arsenal Football Club, il Milan Channel AC, Open di Francia al Roland Garros, otto ATP World Tour tornei di tennis, EHF Pallamano Champions League, Formula uno, World Baseball Classic, i Campionati del mondo di baseball Premier 12, National Football League, National Basketball Association, Spanish Basketball League (Liga Endesa).
Oltre ad offrire la produzione di mezzi di comunicazione e consulenza di sponsorizzazione, MP & Silva è anche consulente dei media ufficiali alla FIA di Formula E, l’Associazione dei Comitati Olimpici Nazionali, la Pro League e polacco Professional Football League, e sono lo sviluppo partner internazionali per la scozzese Professional Football League. Con sede a Londra e Singapore, MP & Silva opera in tutto il mondo attraverso gli uffici locali a Pechino, Budapest, Dubai, Dublino, Hanoi, Jakarta, Kuala Lumpur, Lussemburgo, Madrid, Miami, Monaco, Monaco di Baviera, Nairobi, New York, Parigi, Taipei, Tokyo e Varsavia.

Previous post

Match-fixing, analisi di un fenomeno mondiale

Next post

Infront risponde al servizio de L'Espresso

Marcel Vulpis

Marcel Vulpis

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.