All newsAltri eventiAltri SportAltro MotoriMoto GPMotoriSport BusinessSport Federazioni

Il 3570 Team Italia termina la gara di Misano nella Moto3

Il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini al Misano World Circuit è stato vissuto dal 3570 Team Italia all’insegna di sensazioni ed emozioni contrastanti. In una gara che ha visto salire nuovamente sul gradino più alto del podio il capoclassifica di campionato Brad Binder (KTM), in rimonta dall’undicesima fila Lorenzo Petrarca e Stefano Valtulini hanno concluso rispettivamente in ventiquattresima e ventiseiesima posizione.

Migliorando progressivamente il feeling in sella, Lorenzo Petrarca ha ritoccato di gran lunga i tempi delle prove dando prova di caparbietà nell’arco della contesa. A confronto in un gruppetto di ben sette piloti, all’esposizione della bandiera a scacchi ha concluso ventiquattresimo seguito dal compagno di squadra Stefano Valtulini, ventiseiesimo e penalizzato da una partenza non esaltante.

Lorenzo Petrarca (3570 Team Italia – Mahindra MGP3O #77) 24°

“Dopo una serie di gare al di sotto delle aspettative oggi c’è stato un punto di svolta. Il feeling con la moto in crescendo mi ha permesso di lottare con piloti di comprovata esperienza nel Mondiale. Mi sono difeso bene e, aspetto non secondario, ho migliorato giro dopo giro i tempi delle prove. Il risultato finale non ci rende pienamente merito, ma il rendimento in gara per noi rappresenta un punto di partenza per i prossimi Gran Premi“.

Stefano Valtulini (3570 Team Italia – Mahindra MGP3O #43) 26°

“Non posso chiaramente essere soddisfatto. La partenza non è stata delle migliori e mi sono ritrovato subito distante dal gruppetto di piloti che mi precedeva. Punteremo al riscatto ad Aragon, un tracciato che mi piace particolarmente“.

Emanuele Ventura (3570 Team Italia – Team Manager)

“Nonostante il risultato non sia propriamente gratificante, per Lorenzo questa gara è stata un’iniezione di fiducia per il prosieguo della stagione. Ha migliorato di gran lunga i suoi tempi rispetto ai riferimenti delle qualifiche, ritrovandosi a confronto diretto con piloti di maggior esperienza nella categoria. Senza dubbio questa gara gli servirà per i prossimi appuntamenti del calendario e segna un’inversione di tendenza positiva dopo una serie di weekend difficili. Per quanto riguarda Stefano, la sua corsa è stata inficiata da uno spunto al via non esaltante: ha perso contatto con gli altri piloti e questo non gli ha permesso di ottenere di più“.

Previous post

Il Master in Sport Marketing & Communication del Sole 24 Ore

Next post

Calenda (MISE): Con il No a Roma2024 daremo ai cittadini una idea di ripiegamento

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.