All newsAltri eventiAziendeBrandCalcioCalcioCalcio.InternazionaleEconomia E PoliticaEventiFan Tokenhome pageIstituzione e AttualitàMarketingPartnersPremier LeaguePrurito calcisticoPubblicitàPunto e a CapoSponsorshipSport BusinessTecnologia

Fan Token dell’Arsenal sotto la lente d’ingrandimento dell’ASA

(di Emanuele de Laugier) – Un post su Facebook e la pagina web ufficiale dell’Arsenal FC sono finite sotto la lente di ingrandimento del “Advertising Standards Authority” (ASA) per non aver rispettato le regole pubblicitarie sulla promozione dei Fan Token basati sulle criptovalute. Il comitato di supervisione ha criticato i Gunners perchè non avrebbe illustrato i rischi d’investimento e di aver approfittato dell’inesperienza o della credulità dei consumatori, nonché di aver banalizzato gli investimenti nella valuta digitale. Inoltre il post su Facebook della pagina ufficiale dell’Arsenal (12 agosto 2021) non sarebbe stato chiarito che il Fan Token fosse un cripto-asset, che poteva essere ottenuto solo aprendo un account e scambiato con un’altra criptovaluta (che doveva essere precedentemente acquistata). L’ASA ha sancito che “gli annunci non dovranno più apparire nella forma protestata” e, nei futuri avvisi, “si dovrà chiarire che il valore degli investimenti in criptovalute è variabile e che le criptovalute non sono regolamentate”.

Il club londinese in sua difesa ha dichiarato: ”Prendiamo molto seriamente le nostre responsabilità per quanto riguarda il marketing per i nostri fan” e che il sito web includeva l’avvertimento che i tifosi “potrebbero perdere parte o tutti i soldi investiti”. Inoltre i Gunners hanno affermato che i Fan Token non sono stati promossi come investimento e non ne hanno incoraggiato lo scambio. Ma alcuni gruppi di sostenitori sono diffidenti. Ad agosto l’Arsenal Supporters Trust ha dichiarato: ”Il club dovrebbe chiarire che la criptovaluta è un’attività non regolamentata e rischiosa” e che “ai club non dovrebbe essere consentito utilizzare la popolarità del calcio per promuovere un prodotto intrinsecamente ad alto rischio” e, in aggiunta, che “il governo e le autorità calcistiche dovrebbero esaminare le partnership tra i club e le società di criptovalute”.

Socios.com ha dichiarato al podcast della BBC “Tech Tent” di aver venduto tra i 270 e i 300 milioni di dollari di valore monetario tramite l’app, pur rifiutando di rivelare gli economics di questa partnership.

L’Arsenal è il primo club di calcio che viene giudicato da un organo di controllo terzo per aver infranto le regole sulla pubblicità. Tuttavia sono molte le squadre europee che hanno stretto una partnership con Socios.com. Lo stesso vale per l’Italia, dove sono Juventus, Inter, Milan, Napoli, Roma, Lazio e Bologna ad avere i propri Fan Toke.

 

 

 

 

 

 

 

Previous post

Al via il progetto Dazn studios e il brand è al 7° posto tra le realtà più tecnologiche al mondo

Next post

Macron veste la Nazionale di calcio georgiana (GFF)

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.