All newsAltri eventiAltri SportAltro MotoriAziendeBrandFormazione&ConvegniFormula 1home pageIstituzione e AttualitàMoto GPMotoriPartnersSponsorshipSport Business

D’Arrigo (PLI): Investiamo in soluzioni tecnologiche per il cliente finale, partendo dalle sport-sponsorship

Parla italiano il numero uno di Petronas Lubricants International (PLI)*, la divisione dedicata alla produzione e alla commercializzazione di lubrificanti del colosso malese della raffinazione petrolifera e dell’energia.

Si chiama Giuseppe D’Arrigo (nella photogallery), con una ventennale esperienza nel settore ed una laurea in diritto internazionale all’Università di Milano.

Ha iniziato la sua carriera manageriale presso la Shell di Milano, ricoprendo diversi ruoli nell’ambito delle operations e dello strategic marketing, della business consultancy e del business management in ben 20 paesi.

Dal 1° marzo D’Arrigo è il nuovo ceo di PLI, con base a Kuala Lumpur (Malesia).

Petronas è da sempre impegnata nel mercato delle sponsorizzazioni sportive, dove la partnership è finalizzata alla continua evoluzione dei prodotti che l’utente finale può acquistare nei punti vendita/stazioni di servizio.

Il business dell’azienda asiatica in Italia è stimato in 400 milioni di euro, che si inseriscono a livello globale in un giro d’affari di oltre 2 miliardi di dollari.

 

D’Arrigo, quali sono, in questo momento, le più importanti partnership e sport-sponsorship attive a marchio Petronas?

Parliamo di diverse aree di intervento, come la Formula Uno, il mondo dei rally professionistici di alto livello e i trofei motoristici co-branded.

Nello specifico, dopo essere stata per anni fornitrice e sponsor della scuderia BMW Sauber, l’azienda malese è dal 2010 partner tecnico del team di Formula Uno Mercedes AMG Petronas per il quale sviluppa, nel sito di Villastellone (Torino), le benzine, i lubrificanti e tutti i fluidi funzionali per le Frecce D’Argento di Nico Rosberg e del due volte Campione del Mondo, Lewis Hamilton.

E’ partner e sponsor del team “Petronas De Rooy Iveco”, che, nel 2016, ha vinto la competizione nella categoria “Truck”, con l’olandese Gerard De Rooy.

Petronas Selenia è title sponsor della nuova 124 Abarth Rally (iniziativa che coincide con i primi 25 anni del brand “Selenia”), presentata in anteprima al Salone dell’automobile di Ginevra lo scorso 1° marzo, e title-sponsor dei Trofei Abarth Rally 2016.

Sponsorizza il trofeo Nazionale ACI Sport Abarth Selenia, la Coppa Abarth Classiche Selenia ed il Campionato Italiano Formula 4 powered by Abarth.

In Germania è partner del campionato ADAC Formula 4 powered by Abarth.

E’ attivo, infine un accordo con il driver brasiliano Valdeno Brito del team AMG Motorsports che corre nella categoria Stock Car.

D: Che obiettivi vi ponete quando decidete di attivare una partnership?

Una partnership tecnica e funzionale, nella collaborazione strategica fra marchi (nel settore motoriI per la produzione di lubrificanti di ultima generazione, che possano garantire una migliore protezione del motore, con effetti, sia sulle piattaforme racing, sia in ambito tecnico-commerciale. In sintesi, i successi nelle competizioni sportive vengono riproposti nelle soluzioni per la vita quotidiana. Questo è il fattore chiave di successo di ogni nostro sodalizio, quale che sia l’ambito sportivo. La conoscenza ed esperienza acquisita, per esempio, con la Formula 1, Petronas l’ha trasferita sugli oli per le vetture stradali, in modo garantire anche all’utente di tutti i giorni la stessa garanzia di affidabilità e durata del motore. I vari test ai quali il Petronas Syntium (nella foto principale un soggetto adv recente) è stato sottoposto, hanno rivelato il +72% di resistenza contro l’usura e il +62% di resistenza all’ossidazione. In questo modo l’olio fluisce in modo più agevole in ogni parte del motore e in questo modo lo mantiene lubrificato.

D: Come seguite da vicino i team ed i progetti sportivi sponsorizzati?

Possiamo contare su risorse specializzate che lavorano nei centri di Brackley in Inghilterra e in altri siti produttivi, dove si occupano del powertrain (ovvero la parte meccanica e la parte ibrida, nda). Oltre a ciò quando siamo operativi in pista negli autodromi disponiamo di un laboratorio mobile Petronas, dedicato alla misura del livello di consumi e del livello di prestazioni dei nostri fluidi in tempo reale. Grazie a questa task force possiamo seguire tutte le tappe del Mondiale direttamente dal paddock. Senza questa tipologia di intervento non sarebbe possibile fornire feedback di qualità alla squadra sponsorizzata e al centro di ricerche di Torino, così da apportare le modifiche necessarie per la prossima gara e per gli sviluppi futuri tecnologici.

D: Più in generale se analizziamo i diversi mercati geografici, quanto è importante il comparto “domestico”?

Il nostro Paese è un mercato chiave per PLI in Europa e per il quartier generale continentale. Cerchiamo sempre di offrire ai clienti soluzioni e competenze di gamma alta, attraverso prodotti e servizi tecnologicamente avanzati. Lavorando a stretto contatto con i nostri partner, riteniamo di essere gli esperti di fiducia a cui il cliente finale si rivolge.  Le nostre soluzioni tecnologiche sono le più avanzate del settore e questo ci consente un vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza diretta.

D: Si spieghi meglio. Cosa intende per soluzioni tecnologiche avanzate a servizio del cliente finale?

Abbiamo una relazione molto stretta con le officine autorizzate PLI. Abbiamo sviluppato una tecnologia di ultima generazione, durante le operazioni di cambio olio grazie al Petronas Syntium Corner. Si tratta di un’attrezzatura all’avanguardia sviluppata per consentire ai meccanici di erogare un servizio ancora più puntuale ed efficace. Durante la fase di erogazione del lubrificante utilizziamo un tablet, che consente la consultazione di una cosiddetta Fluidtech guide. Quest’ultima fornisce informazioni relative alla vettura in manutenzione, il tipo di lubrificante da utilizzare e la quantità corretta da immettere all’interno della vettura. Inoltre, consente di proporre in tempo reale il corretto lubrificante in base al modello della vettura, all’anno di immatricolazione e alla data di motorizzazione del veicolo in esame.

D: Quanto è importante la Ricerca e Sviluppo (R&S) nel presente/futuro di questo gruppo?

L’investimento di Villastellone (17mila metri quadrati coperti su un’area di 80 mila, nda) è proprio in questa direzione e conferma l’attenzione del gruppo. Già adesso l’attuale centro ricerche è il polo fondamentale per le iniziative di ricerca e sviluppo non solo per le attività italiane ed europee, ma anche a livello wroldwide. E quando i lavori saranno completati, il centro torinese di R&S diventerà un polo globale in grado di supportare le esigenze tecnologiche e tecniche del business di PLI in Asia, Africa, America Latina, oltre che in America del Nord.

* Petronas Lubricants International è attualmente classificata tra i primi 15 produttori al mondo ed è presente in oltre 80 mercati a livello globale.

L’azienda è nata nel 2008 dalla fusione con la storica FL Selenia.

Ha sede a Kuala Lumpur (nelle celebri torri) e conta oltre 30 sedi in 23 paesi, gestite attraverso gli uffici regionali di Kuala Lumpur, Torino, Belo Horizonte, Chicago, Durban e Pechino.

 

Il 28 gennaio 2016 PLI ha posato la prima pietra del nuovo Centro Ricerche  internazionale, che sorgerà in Italia accanto alla sede di Villastellone, in provincia di Torino (i lavori saranno ultimati nel 2017 e l’investimento è di circa 60 milioni di euro).

 

DATI ECONOMICI PETRONAS Lubricants International

– 2 miliardi di fatturato

– 2.103 dipendenti in 23 paesi diversi

– 1.543 distributori nel mondo con oltre 68.000 punti vendita

 

In EUROPA (uno dei maggiori mercati per PLI)

– 28% dei volumi totali

– Oltre 1000 dipendenti

– Volumi totali superiori ai 200 milioni di litri (ML)

 

In ITALIA (maggiore mercato Europeo per PLI)

– 48% delle vendite totali della Regione (Europa)

– 400 milioni di euro di fatturato

– 594 impiegati

– Totale volumi di vendita: 100 milioni di litri

– 2 impianti produttivi (Torino e Napoli) con capacità produttiva totale di 140.000 mt/yr

– 73 distributori e 3.266 punti vendita

Previous post

Riforma Sport Dilettantistico: l'assalto alla diligenza delle lobby sulla P.L. 1680

Next post

Versus/Rai Gulp: l'Hockey Prato vola in finale con la Boxe

Marcel Vulpis

Marcel Vulpis

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.