All newsAltri eventiAziendeBrandCalcioDiritti Televisivihome pageIstituzione e AttualitàSerie A - Serie B

Caso Vivendi: ad eccezione del M5S, tutta la politica si schiera per Mediaset

La politica italiana (ad eccezione di M5S) a difesa di Mediaset.

Ieri era stato ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, a definire l’iniziativa di Vivendi una “scalata ostile a uno dei più grandi gruppi media italiani“. Parole che trovano terreno fertile praticamente in tutti i partiti politici, che invocano un intervento del governo.

A chiederlo è il segretario della Lega, Matteo Salvini. “Al di là delle appartenenze politiche – sostiene – si tratta di un’azienda strategica italiana e sono in ballo circa 20mila posti di lavoro, tra dipendenti, oltre 4 mila, e altri che fanno capo a società che lavorano principalmente con Mediaset. Basta chiacchiere: non è possibile che l’economia italiana sia in svendita al miglior offerente estero”.

Anche il Pd, con il vice segretario Lorenzo Guerini, si dice favorevole. Il governo, assicura, sta “studiando azioni per mettere in sicurezza un patrimonio italiano”. Se più scontata è la richiesta di sostegno che arriva da Forza Italia, meno prevedibile è quella di Stefano Fassina di Sinistra italiana. “Il nostro Paese – sostiene – non può continuare ad essere il supermarket per le aziende straniere”, per cui “è necessario porre un argine alla colonizzazione finanziaria straniera”. Unica voce fuori dal coro è quella del M5s secondo cui “è totalmente inappropriato un intervento dell’esecutivo a tutela di Mediaset quando lo stesso non fece nulla contro l’aggressiva scalata di Vivendi a Telecom, che era invece veramente strategica per il nostro Paese considerando l’infrastruttura di rete in suo possesso”.

Previous post

I numeri digital della Supercoppa italiana di calcio a 5

Next post

GIRO presenta i suoi prodotti per la stagione 2016-2017

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.