All newsAltri eventiAltri impiantiAltri SportBrandDigital Media SportEconomia E PoliticaEventiFederazioni ItalianePartnersPubblicitàPunto e a CapoSponsorshipSport Business

Unicusano si lega al brand della Federscherma italiana

In occasione della recente BIT Fieramilano è stato firmato un accordo annuale di sponsorship tra l’Unicusano e la Federscherma.

La Unicusano, specializzata nella formazione universitaria, continua così a investire sul connubio sport e cultura.

È intervenuto il Vice Presidente del CDA dell’Unicusano, Stefano Ranucci: “Con l’‘occasione oltre alla stipula del contratto c’è stata anche la presentazione del programma e delle attività nazionali e internazionali della Federscherma. Siamo davvero contenti e orgogliosi di esser arrivati a firmare l’ennesima partnership. È con grande piacere che ufficializziamo questa collaborazione con una delle più grandi federazioni sportive. Il connubio sport e cultura non può non esser preso in considerazione. Lo sport è aggregazione, è sociale, è vita. Perché la scherma? Abbiamo voluto allargare le discipline che viaggiano nel mondo dell’Unicusano. È una disciplina elegante, importante, storica, una delle più antiche e prestigiose. Da quando abbiamo iniziato a parlarne ci siamo innamorati. Poi Foconi e Calissi sono in odore di Olimpiade grazie al loro impegno in coppa del Mondo. Questi ragazzi come tutta la squadra porterà il nostro brand in giro per il mondo. Guardiamo allo sport, ai giovani e a quelli emergenti, dando voce e attenzione a tutte queste realtà che non siano il calcio”.

Il Presidente della Federscherma Paolo Azzi ha commentato: “È un impegno notevole con un brand importante, noi siamo sempre molto attenti alla double career e allo studio. Per noi è molto gratificante questo accorso. Abbiamo fin da subito visto il grande entusiasmo mostrato dall’Unicusano che ha voluto legarsi a noi. Speriamo di riuscire a competere a grandi livelli all’Olimpiade di Parigi dando una la giusta immagine della nostra disciplina, che devo dire è altamente formativa. I ragazzi che abbinano sport di alto livello e studio riescono a ottenere ottimi risultati anche sul piano della formazione, un grande sportivo ha una sensibilità particolare e un’attenzione in più”.

Previous post

Nuovo Totocalcio: oltre 1,3 milioni di schedine nei primi 16 concorsi, l'incasso vola a 5,6 mln di euro

Next post

Simone Pepe: le criptovalute possono aiutare il calcio

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.