All newsAltri eventiAltri SportAltro MotoriDiritti di immagineEconomia E PoliticaFiscohome pageIstituzione e AttualitàMoto GPMotoriSport Business

Richiesto l’arresto di Ezpeleta (Dorna) dal sindacato Manos Limpias. Risponde l’interessato: Tutto legale

La storia ha dell’increbile. Un terremoto mediatico/giudiziario potrebbe sconvolgere il mondo della MotoGP, da sempre gestito dalla iberica Dorna Sports (la proprietà è di Bridgepoint Capital, fondo di investimento da oltre 150 mln di euro).

Manos Limpias, sindacato indipendente dei funzionari pubblici e tra i più battaglieri di Spagna, ha deciso di costituirsi parte civile nei confronti di Carmelo Ezpeleta (patron della Dorna sports) in un’azione legale (presso il tribunale di Madrid), dove si parla di presunte società di comodo e di un’evasione vicina ai 70 milioni di euro.

Un vero e proprio atto di guerra senza precedenti. Nessuno prima d’ora infatti aveva mai provato a intaccare l’immagine e la forza economica di Ezpeleta, uno degli uomini di sport più influenti al mondo.

Si chiede al giudice, nell’esposto portato avanti da Manos Limpias, la prisòn provisional (per Carmelo Ezpeleta), considerata “la gravità e reiterazione dei fatti (presunti, ndr)”, ma anche un ipotetico “pericolo di fuga all’estero “.
Questo terremoto avviene, tra l’altro, a poche ore da un importante evento promozionale, che si svolgerà a Buenos Aires in Argentina (sede del secondo round della Motogp 2016). Certamente un bagno mediatico che sicuramente non farà bene alla reputazione del mondo dei motori.

Il mosaico di Sky Sport HD per la stagione MotoGP 2016

Il mosaico di Sky Sport HD per la stagione MotoGP 2016

Manos Limpias, tra l’altro, ha già denunciato precedentemente il n.1 della Dorna per alcuni business legati al circuito di Jerez, dove è finita sotto la lente di ingrandimento Cirjesa, la società che gestisce la pista. Nell’esposto il buco presunto sarebbe di 4 milioni di incassi.
Accanto al sindacato indipendente si è schierato Pier Carlo Bottero, fondatore della torinese SEL (Sports & Events Logistics), società leader a livello internazionale nel settore dei trasporti (già partner e fornitore della Dorna per molte stagioni sportive), che, da diverso tempo, contesta alla società gestrice del Motomondiale, una serie di (presunte) anomalie contabili, visto che sarebbe stato obbligato a passare attraverso gli uffici della Dww (creata in Olanda), anche se, nella realtà, il volume di affari sarebbe stato, comunque, sotto il controllo degli uffici “domestici” della Dorna (tra Madrid e Barcellona).

Pier Carlo Bottero - SEL srl - Sport and events logistic Ceo

Pier Carlo Bottero – SEL srl – Sport and events logistic
Ceo

Risponde DORNA alle accuse: Tutto regolare e legale!

Pronta e anche “ferma” la risposta della Dorna, che dichiara di aver sempre agito nella legalità, tanto da presentare una nota ufficiale articolata in ben sei punti:
1. La Dorna non è preoccupata per l’esistenza di accuse nei confronti di Ezpeleta e altri direttori.
2. Nel 2014 la Dorna ha concluso la relazione con Sel per ragioni imprenditoriali fondate, sostituendola con un’altra azienda logistica.
3. Pier Carlo Bottero (ad. di Sel) aveva minacciato in caso di mancato rinnovo dell’accordo iniziative legali e di altro tipo presso le autorità competenti, le agenzie delle entrate e i media.
4. Il tribunale di Torino ha rigettato, definendola infondata, la causa intentata dalla Sel contro Irta (l’associazione dei team) per violazione delle regole della concorrenza nella MotoGP.
5. Avendo tutte le società di Dorna pagato le tasse nelle rispettive giurisdizioni europee, le denuncie di Sel e di Bottero sono manifestamente infondate e false.
6. Ezpelet e la Dorna hanno già dato mandato ai propri legali di studiare ed esercitare azioni legali per difendere i propri interessi e reputazione.

L’impressione è che siamo solo all’inizio di una disputa legale, che andrà avanti per molto tempo, con un innegabile danno di reputazione per l’intero Circus del motomondiale. Adesso la palla passa ai giudici, che dovranno, quanto prima, trovare il bandolo della matassa e capire, concretamente, da che parte sia la ragione e ristabilire (per quanto possibile) un equilibrio tra le parti.

Previous post

Ignazio Marino: «Governo e presidente Zingaretti contro lo Stadio della Roma»

Next post

L'ira di De Laurentiis si abbatte su Mediaset, per servizio "galeotto" su Higuain

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.