All newsEditorialihome pageIstituzione e AttualitàParlamento e GovernoPartnersSerie A - Serie BSport BusinessStadi di calcio

Onorato (Lista Marchini): Sì agli stadi per Roma e Lazio, ma il milione di metri cubi di Tor di Valle è follia

Non ha mezzi termini Alessandro Onorato (consigliere comunale della lista Alfio Marchini), contattato via Twitter, per parlare del progetto futuro dell’AS Roma, localizzato nell’area di Tor di Valle.

Il progetto dello stadio della Roma è molto bello ma 1.100.00 metri cubi sono una “follia”. I servizi pubblici previsti non sono sufficienti” e poi “Sulla pubblica utilità la Lista Marchini ha votato NO“. Poi Onorato corregge un po’ il tiro con una dichiarazione di stampo politico, che invia anche a Stefano Esposito (senatore PD e assessore ai trasporti nella giunta Marino), coinvolto nella interlocuzione via tweed, e al M5S Roma: “Sì agli stadi per Roma e Lazio (di cui è tifoso da sempre, ndr), ma le aree le doveva individuare il Comune in base ai bisogni dei romani“.

Le dichiarazioni di Onorato, peraltro legittime, e sicuramente più vicine al M5S che al PD romano, lasciano però aperte una serie di riflessioni. Che cosa potrebbe succedere se Marchini dovesse vincere a Roma nelle prossime comunali. Radio Campidoglio dà per certo il trasferimento di Marchini dalla sponda del civismo a quella di un neo centro-destra (soprattutto NCD romano), che “abbraccerebbe” proprio Marchini per trovare un contenitore politico credibile con cui farsi rieleggere. Un’operazione squisitamente politica, che cozza un po’ (bisogna ammetterlo) con le radici civiche di Marchini, a questo punto nuova icona del Centro-Destra in quello che verrà presentato a metà ottobre (o al massimo entro la fine di questo mese) con il simbolo “Cuori Italiani“.

Marchini (probabile candidato a sindaco di Roma) e Onorato saranno così rigidi con il progetto dello stadio della Roma anche in caso di vittoria alle prossime comunali o smusseranno le loro posizioni, di fronte ad una pubblica utilità pro-giallorossa, che significa posti di lavoro e quindi anche voti?

Gli unici che sicuramente non faranno un passo indietro sono i “pentastellati” di Grillo. In caso di vittoria il progetto dello stadio della AS Roma tornerà nel cassetto.

Previous post

Più che la "pubblica utilità" serve una nuova Legge sugli Stadi

Next post

Football Cares: l'AS Roma lancia una santa alleanza tra club sul tema dei rifugiati

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.