All newsAltri eventiAltri SportConiEditorialiIOCIstituzione e AttualitàLondra 2012OlimpiadiRio 2016Sport BusinessSport FederazioniSport.Dilettantistico - Ass. Sportive

Nuova puntata dell’indagine sulle Olimpiadi targata Accademia Maestri dello Sport

Quarta puntata di “Road To Rio“, indagine elaborata dal gruppo di lavoro dell’Accademia dei Maestri dello Sport. Un focus su Londra2012 e Rio2016.

In questa nuova osservazione è stata posta l’attenzione su alcuni dati della Squadra Italiana (#ItaliaTeam), presente a Rio2016 e, in alcuni casi, sono stati confrontati con quelli relativi alla squadra olimpica azzurra di Londra2012.

Che età hanno i nostri Atleti? Che esperienza Olimpica possiedono? Per quali Società Sportive sono tesserati? Sono questi i temi principali di questa osservazione.

Tutti i dati sono estratti dal sito ufficiale del CONI, mentre, per il computo delle medaglie vinte a Londra 2012, abbiamo utilizzato un sistema inedito: in pratica, quelle ottenute negli sport di Squadra sono state assegnate, singolarmente, a tutti i componenti la formazione ufficiale.

grafico 1

Rio4graf1

In questo grafico gli atleti, della squadra italiana per i Giochi di Rio 2016, sono suddivisi per anno di nascita. Come si può notare la maggior concentrazione è tra i 22 e i 32 anni. L’età media è di 28,01 anni.

grafico 2

Rio4graf2

Qui è invece rappresentata la stessa suddivisione, ma che riguarda la squadra di Londra2012. Anche in questo caso il maggior numero di atleti è compreso tra i 23 e i 31 anni. L’eta media è stata di 27,56 anni: circa 6 mesi più bassa di quella di Rio2016.

grafico 3

Rio4graf3

In questo grafico sono visualizzate le medaglie ottenute a Londra, suddivise per fascia di età e assegnate con il metodo sopracitato. Si può notare che da 16 a 24 anni le medaglie sono state 9, da 25 a 33 anni 47 e da 34 a 49 anni 12. Per poter esprimere pareri di merito su questa analisi è indispensabile fare un confronto con altri paesi di pari livello: Francia, Germania e Corea del Sud, ad esempio.

grafico 4

Rio4graf4

In questa osservazione è evidenziato il “Livello di esperienza olimpica” dei componenti la squadra di Londra e di Rio de Janeiro. Inoltre, per l’esperienza olimpica britannica è anche visualizzato come le medaglie ottenute si siano suddivise tra i vari livelli di esperienza.

Cosa possiamo osservare dai numeri?

  • Sia a Londra che a Rio il numero degli “Esordienti Olimpici” è molto alto: 56% del totale
  • Che tra gli “esordienti di Londra” solo il 45% fa parte della squadra di Rio
  • Che il rapporto “esperienza/medaglie” è più basso per i “principianti”: circa il 20%; è pressochè uguale per coloro che hanno alle spalle una e due partecipazioni olimpiche di circa il 25%, diventa del 33% per chi ha già partecipato a tre Olimpiadi e raggiunge il 100% (6 partecipanti con 6 medaglie) per chi è alla quinta partecipazione olimpica.

grafico 5

Rio4graf5

In questo grafico sono evidenziate le società di appartenenza degli Atleti di Londra e di Rio, suddivisi tra Societa Sportive “private” e Gruppi Sportivi Militari.

Per le Olimpiadi di Londra sono indicate anche le medaglie ottenute.

Cosa si nota:

  • La presenza di atleti provenienti da Gruppi Sportivi Militari è maggioritaria.
  • Le medaglie ottenute da atleti provenienti da Societa SportivePrivate”, ad eccezione di una nel ciclismo a titolo individuale, provengono tutte da sport di squadra.

Come in tutte le statistiche, il campione, per essere valido, ha la necessità di una ampia base di indagine, quindi questo è solo un inizio di riflessione.

grafico 6

Rio4graf6

Non siamo certamente credenti dell’influenza degli astri sul nostro cammino, ma ci siamo tolti lo “sfizio” di vedere la suddivisione, per “mese di nascita”, degli atleti azzurri di Rio.

Una cosa che si evidenzia da questa osservazione, che anche a noi sembra banale, è la contrapposizione dei dati, con il “sentore” che chi è nato negli ultimi mesi dell’anno sia svantaggiato, nei suoi risultati, rispetto a chi è nato nei primi mesi dell’anno.

Chi fosse interessato a rileggere le precedenti puntate della ricerca messa in campo durante RIO2016 da parte dei “Maestri dello Sport” (ANMS)

prima puntata indagine

seconda puntata indagine

terza puntata indagine

 

 

 

Previous post

Putin-IOC: braccio di ferro sulle Paralimpiadi. Pronto un nuovo evento da "scissionisti"

Next post

I gironi della Uefa Europa league 2016/17

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.