All newsAltri eventiAltri SportCalcioCalcio.InternazionaleFIFA - UEFAhome pageIstituzione e AttualitàMondiali Russia 2018

Mutko si fa da parte dalla RFS per rispondere alle accuse di doping di Stato

Vitaly Mutko, “uomo” molto vicino al presidente Vladimir Putin (in marzo ci saranno le nuove presidenziali in Russia), lascerà per sei mesi la carica di presidente della Federcalcio russa, pur mantenendo la guida del Comitato organizzatore dei Mondiali2018 e quella di n.1 dello Sport. Lo scrive l’agenzia Tass. Una auto-sospensione per rispondere nelle sedi opportune e con maggiore serenità alle accuse di doping di Stato (da parte della WADA, l’agenzia mondiale delegata all’anti-doping).

Mutko ha fatto l’annuncio durante una riunione dell’Esecutivo della RfS, la Federazione russa. Al suo posto andrà temporaneamente il DG della Federcalcio, Alexander Alayev. La stampa internazionale ha riferito che il doping di stato in Russia avrebbe coinvolto anche la Nazionale di Mosca che partecipò ai Mondiali di calcio nel 2014 (in Brasile). Mutko ha seccamente smentito quest’accusa. La Russia è stata esclusa dalle Olimpiadi invernali del 2018, ma i singoli atleti che risulteranno negativi ai test potranno partecipare a titolo individuale. Mutko, nominato membro del comitato esecutivo della Fifa nel 2009, ne è stato estromesso nel 2017.

Previous post

Seul apre a Pyongyang. I pattinatori su ghiaccio nordcoreani diventano uno strumento per la Pace

Next post

Dybala si consola con le Adidas X17 color oro

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.