All newsAltri eventiAltri SportAziendeCalcioCalcioCalcio.InternazionaleEconomia E PoliticaFootball Jerseyhome pageIstituzione e AttualitàMerchandising LicensingSerie A - Serie BSponsorshipSport Business

Merchandising: il futuro della Juventus è retrò

Al tifoso di calcio la maglia piace sempre più retrò. La Juventus, legata allo sponsor tecnico Adidas da un contratto pluriennale, ha deciso di seguire l’esempio delle “rivali” Inter e Roma (entrambe sponsorizzate Nike) e sta pensando nel prossimo futuro di lanciare una collezione di maglie dedicata agli appassionati che amano la tradizione e i prodotti più “vintage”.

Le casacche disponibili sono state scelte con l’obiettivo di ripercorrere periodi memorabili nella storia della società di corso Galileo Ferraris. La prima divisa di gara selezionata è abbinata alla stagione 1952-53, con le tradizionali strisce bianconere a manica lunga. Il periodo di riferimento è quello dell’era dell’avvocato Gianni Agnelli.

Si prosegue con la maglia del periodo 1976-77, collegata alla conquista del primo trofeo internaizonale (la Coppa Uefa) e con quella della stagione 1984-85, coincidente con la prima vittoria in Coppa dei Campioni. La linea vintage sarà completata dalla casacca del campionato 1992-93 (la Juve in quella stagione conquistò nuovamente la Coppa Uefa, terza vittoria nella competizione continentale).

Questa operazione è perfettamente nella direzione tracciata, nelle ultime settimane, dalla Juventus con il re-branding del logo, una lettera “J” stilizzata, che ha l’ambizione di rendere trasversale e più fashion il marchio piemontese dei campioni d’Italia, pur nel rispetto delle radici del club, visto che è un chiaro omaggio alla figura e alla storia dell’Avvocato.

Modernità e tradizione, fuse insieme in un unico progetto: fidelizzare i tifosi presenti e futuri (da attrarre soprattutto sui mercati internazionali) nel rispetto/tutela delle “radici” e delle imprese sportive conquistate nel corso della storia del club. Un esempio che molti club, anche di piccole dimensioni, potrebbero seguire come “benchmark” per produrre, anche se su scala ridotta e riservata ad un pubblico più circoscritto territorialmente, nuove linee di merchandising, generando nel contempo, ulteriori introiti per le casse societarie.

Previous post

TI con Timvision si lancia nel mercato dei contenuti del calcio

Next post

L'OL si affida a FanCast EVS per coinvolgere i tifosi

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.