All newsAltri eventiAltri impiantiEditorialiFormazione&Convegnihome pageIstituzione e AttualitàOlimpiadiSport.Business

Mennea: una vita dedicata all’etica e alla legalità nello sport

Il 21 marzo 2013 si spegneva a Roma Pietro Mennea icona mondiale/olimpica dell’atletica leggera (recordman dei 200 m. ed oro olimpico a Mosca nel 1980) per un male incurabile.

Oggi, a distanza di tre anni, abbiamo deciso di dedicare un doveroso ricordo al campione ed “amico”; che ha detenuto il primato di 19″72 per 17 anni dal 1979 al 1996.

Pietro Mennea  è stato sempre considerato dall’establishment (come anche ricordato questa mattina in un comunicato dall’EPS Libertas) un “personaggio scomodo”, che denunciava i fenomeni degenerativi dello sport (numerosi i suoi libri contro il doping), che non accettava i compromessi, che non era omologabile.

Un uomo che non si è mai piegato ai potenti e che aveva fatto dello sport (l’atletica) e dell’etica un suo vero grande amore, oltre che un cavallo di battaglia. Una missione di vita, mi verrebbe da dire.

Riproponiamo un ricordo/tributo a Pietro pubblicato tre anni fa:

Pietro Mennea, simbolo di un’Italia che non esiste più…

 

Previous post

Malagò (CONI): L'ex sindaco Marino è sempre stato d'accordo su Roma2024

Next post

Jorge Lorenzo favorito per il titolo mondiale della MotoGP 2016

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.