All newsAltre LegheCalcioCalcioCalcio.InternazionaleEconomia E Politicahome pageIstituzione e AttualitàPremier LeagueSponsorshipSport Business

Leicester City, un campionato record anche a livello economico

Leicester City ha appena vinto il titolo della Premier League per questa stagione e, secondo quanto stimato da Repucom, potrebbe guadagnare oltre £150m.

Una tale somma arriverebbe in gran parte grazie al “Merit Payment” concordato al vincitore della Premier League, ma anche grazie all’ottenuta qualificazione per la UEFA Champions League della prossima stagione che aumenterebbe i ricavi da match per il Leicester City sotto forma di maggiori ingressi allo stadio e offerte hospitality e, infine, grazie ad un maggiore valore riconosciuto dagli sponsor ed alla crescita della fan base a livello globale.

La distribuzione dei ricavi e del prize money prevista in Premier League per la squadra che termina il campionato in testa alla classifica consegnerebbe oltre £90m al Leicester, contro i £71.6m che ha ricevuto la scorsa stagione.

A parte l’incremento dei ricavi distribuiti, in questa stagione l’audience TV del Leicester City è cresciuta di oltre il 23% nei mercati monitorati su scala globale, fattore che aiuterà il club ad aumentare il valore delle sponsorship properties nel prossimo anno. Nel Regno Unito, gli spettatori sono cresciuti da 785.000 a più di 1 milione per partita, ovvero una crescita del 29%, mentre in Italia sono raddoppiati, soprattutto grazie al successo dell’allenatore Claudio Ranieri.

I giocatori del Leicester City festeggiano dopo un gol in Premier league

I giocatori del Leicester City festeggiano dopo un gol in Premier league

Di conseguenza, il valore generato dai media è arrivato al 30% a livello globale mentre negli Stati Uniti è cresciuto di oltre il 70% dimostrando concretamente l’aumento di valore per gli sponsor attuali e quelli potenziali.
Oltre alla maggiore audience raggiunta nel mercato inglese, il Leicester City e i suoi sponsor potranno beneficiare dell’audience della UEFA Champions League: in questa stagione ha fatto registrare per le squadre inglesi qualificate nei gironi una media di audience tv pari a 4.2m a partita.

Parallelamente alla crescita dell’audience tv, la UEFA Champions League porterebbe al Leicester City maggiori ricavi dalla partecipazione ai gironi, da una porzione del mercato totale e un bonus di partecipazione che ammonta ad oltre £33m, senza considerare un potenziale bonus aggiuntivo legato alla performance della squadra che potrebbe realisticamente raggiungere i £3m. Anche la qualificazione in Europa League potrebbe essere una possibilità (ottenibile dalle terze classificate dei gironi di Champions League) per cui altri £20m sarebbero a disposizione del club vincente.

Marco Nazzari, Managing Director Italy e CRO Europe, ha affermato: “I numeri che il Leicester City potrebbe raggiungere sarebbero ottenuti in gran parte grazie alla distribuzione dei ricavi della Premier League, che sono ripartiti abbastanza uniformemente nel campionato, e grazie alla qualificazione in Champions League. Di certo, se il Leicester vincesse la Premier League il prossimo anno, a seguito dell’incremento dei diritti televisivi, potrebbe ricevere fino a £146m per essersi classificato primo.”

“Quanto ai crescenti ricavi commerciali, l’aumento di visibilità del club conquistato questa stagione si è tradotta in brand exposure potenziale per gli sponsor che, combinata all’associazione di essere tra i vincitori della Premier League, sarebbe la chiave per aumentare le entrate commerciali del club quest’estate. La difficoltà al momento consiste nell’ottimizzare adeguatamente questi asset ed assicurarsi che attraggano i ricavi potenziali che il Leicester ora potrà generare.”

“Prendendo in considerazione casi simili di squadre con la stessa capacità dello stadio del King Power Stadium del Leicester City e l’effetto che la vittoria del campionato nazionale ha avuto per squadre che non erano favorite, quali l’Atletico Madrid nel 2014, i ricavi commerciali e quelli da match potrebbero valere un incremento pari a £10-15m per il club.”

“Tuttavia nel medio-lungo termine, la crescita della fan base rimane centrale per la realizzazione del pieno potenziale del club come entità commerciale e se adesso è troppo presto per valutare seriamente le fan base che stanno rapidamente crescendo per esempio in Asia, i social media offrono un’opportunità per iniziare a quantificare quest’ondata.”
In questa stagione, il numero di follower sulla pagina Facebook del Leicester City è aumentato di un incredibile 540% presentandosi come uno degli account più in crescita nello sport a livello globale, salendo da 476.000 nell’agosto 2015 a oltre 3m oggi.

I 500.000 follower in Algeria rappresentano la fan base più ampia del Leicester sui social network (16.7%) crescendo dai 23.000 dell’ agosto 2015 (+2036%); il giocatore di punta del club- nonché Player of the Season PFA- Riyad Mahrez che è infatti algerino, mostra il potenziale dell’utilizzo di celebrità sportive nei contenuti online per coinvolgere, far crescere e raggiungere nuovi fan.

Altri mercati che hanno contribuito alla crescita della fan base del Leicester su Facebook includono la Tailandia con 221.000 follower, rappresentando un incremento del 117% – grazie soprattutto all’associazione del club con i proprietari Tailandesi- 162.000 fan dal Regno Unito, aumentati rispetto ai 102.000 di agosto 2015 (+58%) e l’Italia, dove ad oggi 155.000 persone seguono la squadra, rispetto ai 6000 all’inizio della stagione, registrando una crescita del 2293%

Il vero potenziale commerciale del Leicester City diventerà più chiaro durante la pausa stagionale quando i brand competono per associare il proprio nome a un club e, a loro volta, i vincitori del campionato puntano a massimizzare il ritorno economico che il loro status potrebbe realizzare.

Previous post

La favola-Leicester fa volare gli ascolti di Fox Sports e Sky Sport

Next post

Vice (SkyTG24) svela il mondo del doping nello sport amatoriale

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.