All newsBetting & GamingCalcioFIFA - UEFAhome pageLega Serie A - TIMSerie A - Serie BSport Business

Lega Serie A e Sportradar in campo contro il match fixing

Per l’integrità del gioco: formazione in campo contro le frodi sportive” è il progetto presentato oggi a Milano, realizzato dalla Lega Serie A con Sportradar – società, partner della UEFA, specializzata nell’analisi e monitoraggio dei flussi di scommesse e nella lotta al match-fixing attraverso i più sofisticati sistemi di monitoraggio – e promosso in collaborazione con l’Istituto per il Credito Sportivo.

Si tratta di una iniziativa significativa nella lotta al match fixing: per la prima volta a livello europeo una lega di massima serie vara un programma di formazione che coinvolge tutti i tesserati dei club, prima squadra inclusa. Oggi alle 16.00 presso la sede della Lega Serie A ha preso subito il via il primo incontro con le formazioni giovanili di Inter e Milan.

I rappresentanti di tutti i club saranno impegnati in corsi di formazione e workshop con gli esperti di Sportradar, che spiegheranno il fenomeno del match fixing in tutte le sue forme, illustrandone rischi e conseguenze.  Durante gli incontri saranno tracciati gli identikit dei cosiddetti fixers, i criminali che agganciano i giocatori intrappolandoli nelle truffe, attraverso tecniche di adescamento che sfociano anche in ricatti e minacce pregiudicando il futuro e la credibilità degli atleti e del calcio.

Un tema delicato, anche per l’enorme movimento di denaro che genera. Secondo i dati rilevati da Sportradar, ogni anno oltre 1000 miliardi di euro vengono scommessi in tutto il mondo su un numero molto ampio di sport, ma il calcio è quello che attira il maggior numero di flussi.  Su ogni match della Serie A TIM si puntano in media, a livello mondiale, circa 53 milioni di euro, per un giro d’affari complessivo pari a oltre 20 miliardi.

Sportradar monitora 65.000 eventi ogni anno, in 11 diversi sport. Oltre 250 competizioni – incluse nelle prime due divisioni in ciascuna delle 54 Associazioni aderenti al UEFA – passano sotto la lente del “Fraud Detection System”, il sistema di monitoraggio dei flussi di betting e di rilevazione di eventuali anomalie utilizzato dagli analisti.

Previous post

CONI: Ancora troppe barriere nello sport per le donne

Next post

Codacons: una class action contro la Honda e Marquez

Massimo Lucchese

Massimo Lucchese

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.