All newsAltri eventiAltri SportAziendeCalcioCalcioCalcio.InternazionaleEconomia E PoliticaEventiFan Tokenhome pageIstituzione e Attualitàlega calcioLiga SantanderMarketingMerchandising LicensingNFTPrurito calcisticoPubblicitàPunto e a CapoSponsorshipSport BusinessTecnologia

Le ultime tendenze del settore delle sponsorizzazioni nel mondo del calcio spagnolo

(di Emanuele de Laugier) – Carlos Cantò, CEO di SPSG Consulting, ha illustrato i risultati di un report, chiamato “Barometro delle sponsorizzazioni sportive”, redatto dalla sua azienda, che si concentra sulle ultime tendenze delle sponsorizzazioni del calcio in Spagna.

Il rapporto, arrivato alla sua 14ima edizione, fornisce informazioni su cosa si vuole ottenere dalle partnership da un punto di vista dei brand e da un punto di vista delle proprietà, così come vengono analizzate le associazioni tra gli sponsor ed il mondo del calcio fatte dai tifosi e vengono illustrate le tendenze del momento del business sportivo mondiale.

Secondo l’approfondimento, i brand, oltre a voler ottenere la visibilità dei loro marchi ed essere gli sponsor esclusivi per la loro categoria del proprio partner, vogliono avere una maggiore presenza mediatica (compresi i social networks) ed un rientro economico per l’investimento fatto nella sponsorizzazione, così come vogliono creare progetti unici insieme alle proprietà.

Se i contratti di sponsorizzazione sono almeno di 5 anni, i brand sono interessati ad investire maggiormente negli eSports, nei Big Data, nella realtà virtuale (VR), nel gaming, nei fan token e negli altri tipi di NFT (non fungible token). Inoltre, entro il 2025, i marchi si aspettano una crescente importanza degli eventi “fisici”, soprattutto se legati ad uno scopo con una tematica ambientale o sociale.

Secondo il rapporto, le proprietà sportive (club, federazioni, campionati, eventi, ecc.), invece, ritengono di dover fornire ulteriore assistenza e guida ai brand sui progetti e sulle risorse da sviluppare. In aggiunta, hanno intenzione di creare programmi che hanno una migliore possibilità di monetizzare e/o di ridurre i costi in quegli ambiti in cui i marchi sono al momento propensi ad investire (Big Data, fan token, NFT ed eSport). Inoltre, secondo le proprietà sportive, i fondi di investimento saranno i proprietari predominanti delle entità nel mondo dello sport entro il 2025.

Nel report, sulla parte relativa ai fan, è stata analizzata la consapevolezza dei tifosi spagnoli sui marchi associati al calcio. I primi 5 brand citati sono stati Santander, Emirates, Rakuten, Coca-Cola e Movistar. Invece, per quanto riguarda le due squadre più famose di Spagna, ha visto i tifosi associare Adidas, Emirates, Nike, BWin ed Audi al Real Madrid e Nike, Rakuten, Qatar Airways, Unicef e Beko al Barcelona FC.
Con i dati raccolti, la SPSG Consulting ha analizzato che i fan tendono maggiormente a ricordarsi i partner tecnici delle squadre e quelli che hanno avuto il loro brand come main sponsor sulle divise sia nel presente sia nel passato, piuttosto che ricordarsi tutti i marchi che stanno sponsorizzando attualmente il loro team preferito.

Come ultima parte dell’approfondimento, Carlos Cantò ha illustrato le tendenze attuali del business sportivo mondiale e come si potrebbe evolvere in futuro. La società di consulenza ha notato che gli sport in generale, e il calcio in particolare, si stanno evolvendo rapidamente, anche a causa delle nuove preferenze del pubblico e dei tifosi. Per esempio, le questioni ambientali, sociali e di governance stanno ottenendo sempre più attenzioni da parte delle persone per la loro rilevanza. Per questo motivo, l’industria del calcio dovrà essere più proattiva nell’affrontare le principali sfide del nostro mondo.

Tuttavia, legato al processo evolutivo del calcio, per la SPSG Consulting, l’innovazione non riguarda la tecnologia, che è uno strumento da utilizzare per migliorare, ma concerne le persone, i processi, la leadership e la comunicazione.
Inoltre, come già predetto dalle proprietà sportive, i fondi di investimento ed i conglomerati aziendali considerano sempre di più l’industria del calcio come un luogo in cui investire, anche per l’aumento della professionalità nel settore a tutti i livelli.

Nomi come City Football Group, Ares Management, Fenway, KSE, CVC, SEH, SEG, RedBird, Silver Lake, OVG, Bruin Capital, Aser Ventures, Grupo Pachuca, MLSE, Dyal, Harris Blitzer, Arctos, Kosmos, Apex Capital, ecc. sono sempre più attivi all’interno dell’ecosistema dello sport e del calcio.
Tra queste, CVC ha investito 2 miliardi di euro ne LaLiga spagnola da cui riceverà il 9% del reddito dei diritti TV per i prossimi 50 anni.

Previous post

L'operazione Pagliuca-Atalanta porta la firma di Alvarez & Marsal

Next post

Al via il circuito 2022 della FIP. In Qatar, il primo torneo di categoria 1, dal prossimo 28 marzo

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.