All newsAltri eventiAziendeBrandCalcioCalcioCalcio.InternazionaleEconomia E PoliticaEventiFIFA - UEFAhome pageIstituzione e AttualitàMarketingMerchandising LicensingPrurito calcisticoPubblicitàPunto e a CapoSponsorshipSport Business

La FIFA ha annunciato le 16 sedi del Mondiale 2026

(di Antonio Spina) – Svelate le 16 città che ospiteranno la Coppa del Mondo 2026. Dopo l’edizione 2022 che si disputerà in Qatar tra il 21 novembre ed il 18 dicembre, periodo inusuale per la competizione, tra quattro anni la rassegna avrà un format unico, perché andrà in scena in 3 distinti Paesi (Stati Uniti, Canada e Messico). Sarà la “prima” con la partecipazione di 48 squadre, con 16 nazionali in più rispetto alle tradizionali 32, suddivise in gironi da 16 gruppi da tre squadre ciascuno, e una fase eliminatoria, dove le prime e le seconde classificate partiranno dai 16imi di finale.
C’era forte attesa sul nome delle città dove verranno disputati i match del campionato mondiale. L’annuncio è stato trasmesso live nei paesi ospitanti, nonché in tutto il mondo per mezzo di FIFA+, tramite un programma tv prodotto dalla FIFA in collaborazione con FOX Soccer e Telemundo di New York.
Delle 16 città ben 11 si trovano negli States, nello specifico (Atlanta, Boston, Dallas, Houston, Kansas City, Los Angeles/SoFi Stadium, Miami, New York/New Jersey, Philadelphia, San Francisco Bay Area e Seattle), 3 in Messico (Città del Messico, Monterrey e Guadalajara), appena 2 in Canada (Toronto e Vancouver). L’organizzazione prevede che 60 gare tra gironi, quarti, semifinale e finale saranno ospitate dagli Stati Uniti d’America, mentre Canada e Messico ospiteranno 10 gare a testa.
II presidente della FIFA Gianni Infantino ha commentato : “Ci congratuliamo con le 16 città ospitanti della Coppa del Mondo per il loro impegno e passione. E’ un giorno storico, per tutti in quelle città e stati, per la FIFA, per il Canada, gli Stati Uniti e il Messico che daranno vita al più grande spettacolo della Terra. Non vediamo l’ora di lavorare insieme a loro per offrire quella che sarà una Coppa del Mondo FIFA senza precedenti e una svolta nel tentativo di rendere il calcio davvero globale”. 
 
Previous post

L'Atlético de Madrid a caccia di un nuovo sponsor dell'impianto (il Metropolitan)

Next post

Territorio e storia nella nuova divisa di gioco del Bradford City (League Two)

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.