All newsAziendeBrandCalcioCalcioCalcio.InternazionaleEconomia E PoliticaEmergenza Coronavirushome pageIstituzione e AttualitàPrurito calcisticoPubblicitàPunto e a CapoSponsorshipSport Business

IL CEO DI ADIDAS RORSTED AMMETTE: “NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2020 PERDITE PER OLTRE UN MILIARDO IN CINA”

(di Sejon Veshai) – Intervistato questa mattina dalla CNBC, il Ceo di Adidas Kasper Rorsted (nella foto in primo piano) ha parlato della situazione attuale della multinazionale tedesca riguardo le perdite subite in termini economici nei mercati asiatici dall’inizio della diffusione dell’epidemia da Coronavirus. In particolare, Rorsted si è soffermato sulla Cina, che da sola rappresenta il 20% degli introiti globali di Adidas e del vistoso rallentamento delle vendite nel primo trimestre del 2020:

Una immagine del CEO di Adidas, tratta dal web.

“Adidas sta vivendo uno dei sui periodi migliori con un incremento del 19% delle vendite mondiali e un aumento del 34% nell’ e-commerce. E’ vero che nelle ultime settimane in Cina c’è stato un rallentamento generale nelle vendite che potrà costarci circa un miliardo di dollari nel bilancio del primo trimestre 2020 ma sono fiducioso e credo in una ripresa a breve del mercato cinese“.

Il Chief executive officer ha cercato successivamente di “gettare acqua sul fuoco” rassicurando sulla ripresa delle vendite in Cina e in Asia: “Volendo fare un paragone sportivo possiamo dire che Adidas ha giocato un gran primo tempo ed ora si trova negli spogliatoi per l’intervallo. Sono sicuro che al rientro giocheremo una ripresa ancora migliore. Le vendite negli altri Paesi sono in aumento e sono convinto che anche in Cina torneremo sui nostri standard. E’ altrettanto vero che molto dipenderà dagli sviluppi del Coronavirus e dei suoi effetti sui mercati globali”.

Kasper Rorsted (laureatosi alla International Business School di Copenhagen) è CEO di Adidas dal 2016 oltre ad esser stato FMR CEO di Henkel AG & CO. KGaA, azienda chimica tedesca leader nei settori di Adhesive Tecnhologies, Beauty Care e Laundry e Home Care. Dal 2018 è anche Member of the Board od Directors della Nestlé, multinazionale svizzera attiva nel settore alimentare.

Previous post

La comunicazione sportiva ai tempi del Coronavirus. Il caso della FIR Campania

Next post

Il grido di dolore dell'ANIF al Governo sul tema dell'emergenza da Coronavirus (Covid-19)

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.