All newsAltri eventiCalcioCalcio.InternazionaleDiritti di immagineEconomia E PoliticaEuropei di calcioEventiFederazioni EstereFIFA - UEFA

Gli organi calcistici del Regno Unito e dell’Irlanda puntano ad ospitare gli Europei del 2028

(di Emanuele de Laugier) – Il 7 febbraio, gli organi calcistici del Regno Unito e dell’Irlanda (FA, SFA, FAI, IFA e FAW) hanno spostato l’attenzione sull’ospitare gli Europei del 2028 piuttosto che i Mondiali del 2030, dopo aver identificato “molte aree d’incertezza” su un’eventuale offerta per il torneo della FIFA.

Mark Bullingham, amministratore delegato della Football Association (FA), l‘ente governativo inglese del calcio, ha affermato che entrambi i tornei avrebbero offerto un ritorno economico sull’investimento simile, ma ha aggiunto: “Se si prendono in considerazione gli Europei del 2028, abbiamo un panorama e una cronologia delle offerte molto chiari. Quando valutiamo tutto il necessario per l’evento, sappiamo che possiamo mettere insieme un’offerta altamente competitiva. Penso che con i Mondiali ci siano molte aree di incertezza, in termini di cronologia, in termini di frequenza degli eventi e così via”.

Gli Europei del 2028 si scontrerebbero con la prima Coppa del Mondo biennale sulla base dei piani di riforma proposti dalla FIFA, l’organo di governo mondiale del calcio, che restano oggetto di consultazione.
Inoltre, Bullingham ha anche espresso la posizione della FA sulla questione: “Pensiamo che i Mondiali di calcio ogni due anni, sia a livello maschile sia a quello femminile, non siano una buona idea e non crediamo che si realizzeranno”.

L’amministratore delegato della FA ha affermato che la decisione di concentrarsi su Euro 2028 non si basa su una comunicazione della UEFA, che dovrebbe sostenere l’offerta congiunta di Spagna e Portogallo per la Coppa del Mondo del 2030 rispetto all’eventuale offerta del Regno Unito e dell’Irlanda.

Alcuni critici inglesi, su una possibile offerta per i Mondiali, hanno citato i falliti sforzi dell’Inghilterra per ospitare i tornei del 2006 e del 2018, così come la mancanza di trasparenza sul processo decisionale della FIFA come motivo per non partecipare all’offerta per avere nuovamente la Coppa del Mondo nel Regno Unito. Ora, il processo di voto per la selezione del paese ospitante dei Mondiali spetta al congresso dei 211 membri della FIFA piuttosto che a un comitato esecutivo molto piccolo, che, nel 2010, ha dovuto affrontare le accuse di corruzione sulla scelta della Russia per il 2018 e del Qatar per il 2022 come nazioni ospitanti dell’evento. L’assegnazione dei Mondiali del 2026 a USA, Messico e Canada è stata decisa dal congresso.

Secondo quanto riferito, anche Russia e Turchia sono in corsa per Euro 2028, quando ci potrebbero essere 32 squadre partecipanti invece delle attuali 24.
La UEFA sta conducendo in parallelo il bando per Euro 2028 e per gli Europei del 2032, con le manifestazioni di interesse che devono essere presentate entro il 23 marzo, i dossier finali dell’offerta entro il 12 aprile e l’UEFA prevede di annunciare i paesi ospitanti delle due edizioni a settembre del prossimo anno.
Bullingham ritiene che l’offerta per gli Europei del 2028 a cinque nazioni sarebbe considerata favorevolmente, poiché la UEFA sta cercando di ricostruire le proprie finanze dopo la pandemia di Covid-19.

“Crediamo di poter mettere insieme un torneo incredibilmente forte in molti modi. E sappiamo anche che possiamo offrire un ritorno commerciale davvero grande alla UEFA e riteniamo che questo ci metta in una posizione di forza”. Ha detto Bullingham. Così come ha aggiunto che le sedi per ospitare le partite devono ancora essere decise.
Le federazioni affermano che discuteranno anche con la UEFA su quanti posti saranno disponibili per la qualificazione automatica delle nazioni ospitanti, in base al fatto che ci possano essere 24 o 32 squadre partecipanti al torneo.

Previous post

Puma presenta le prime scarpe da calcio in pelle "vegan"

Next post

FIR e Moovit per la mobilità sostenibile di Roma nei giorni di gara del Guinness Sei Nazioni 2022

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.