All newsAltri eventiAltri SportAziendeFederazioni Italianehome pageIstituzione e AttualitàRugbySponsorshipSport Business

Edison e Fir insieme per il nono anno consecutivo

La società energetica di Foro Buonaparte conferma il proprio sostegno alla Nazionale italiana di Rugby, che torna a sfidare le migliori squadre europee nel Torneo Sei Nazioni 2016. La Nazionale italiana aprirà il torneo nella sfida contro la Francia il 6 febbraio.

Edison si conferma main-sponsor della Federazione Italiana Rugby con il proprio marchio che campeggia sul retro della maglia da gioco, sui pantaloncini, sull’abbigliamento pre-gara e sul kit di allenamento.

“Rinnoviamo il nostro impegno a sostegno della Nazionale per i valori che il rugby rappresenta – dichiara Andrea Prandi, Direttore Relazioni Esterne e Comunicazione di Edison –. Perché il rugby è una disciplina che più di altre è sinonimo di energia e senso di appartenenza. Incarna i valori del rispetto e dello spirito di squadra, della lealtà e del sacrifico: tutti principi che Edison è orgogliosa di portare impressi nella sua storia”.

Un azzurro in gioco durante il Six Nations

Un azzurro in gioco durante il Six Nations

Il rapporto che lega Edison al rugby in questi nove anni si è sviluppato ben oltre la sponsorizzazione della Nazionale, avviata nel 2007. Edison ha visto nel rugby un ottimo strumento formativo per prevenire il disagio giovanile e di rieducazione per chi è venuto meno al rispetto delle regole.

Sono così nate iniziative come il Progetto Scuola (in collaborazione con la Fir), che ha portato l’insegnamento del rugby in 2300 scuole italiane coinvolgendo oltre 600 mila ragazzi in palestra e in tornei regionali e nazionali. Ma anche progetti di rinserimento sociale nei centri di detenzione nelle scuole e nei centri di aggregazione, realizzati in  collaborazione con la AS Rugby Milano, come “Il senso di una meta” all’interno dell’Istituto di Pena Minorile Beccaria, dove i ragazzi hanno la possibilità di confrontarsi con i loro coetanei che fanno parte della squadra Under 20 del Club milanese; Rugby Barbari Bollate che ha portato alla formazione di una squadra all’interno del carcere di Bollate di Milano; e “Soft Rugby” che insegna questa disciplina nelle scuole elementari e medie milanesi, oltreché nei luoghi di aggregazione della città.

Previous post

Emma Bonino spinge per il referendum su Roma2024

Next post

L'unveiling della FIR per il Six Nations 2016

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.