All newsCalciohome page

Di Canio scrive alla Comunità Ebraica: “Infamia le leggi razziali”

Paolo Di Canio dopo essere stato sopeso da Sky per il tatuaggio Dux sul braccio, ha inviato un messaggio alla presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI) Noemi Di Segni: .

“Sento di dover tornare su un argomento che pensavo di avere già chiarito in passato: non ho e non voglio avere niente a che spartire con idee antisemite, razziste, discriminatorie, violente. Ritengo, senza se e senza ma, che le leggi razziali volute da Mussolini siano state una terribile infamia per la storia del nostro Paese. Un’infamia che causò un’immane tragedia per migliaia di ebrei in Italia. Questa è la mia posizione convinta e determinata”, il messaggio dell’ex giocatore.

Il commentato dalla Presidente Di Segni sul portale www.moked.it: “I tempi che viviamo impongono grande attenzione alle parole che usiamo, ai gesti che compiamo e ai simboli che accompagnano la nostra vista privata ed in pubblico. Un senso di responsabilità, nell’arginare ogni forma di odio, che grava ancor più a chi si rivolge al grande pubblico e che ricoprendo un preciso ruolo ha una chiara riconoscibilità mediatica, e inevitabilmente concorre a formare le coscienze e le opinioni soprattutto dei giovani”.

Qui la lettera intera di Paolo Di Canio all’Ucei.

Previous post

Cristiano Ronaldo ripercorre per Nike la sua carriera e firma fino al 2021 con il Real

Next post

La Lega B sarà presente alla 4a edizione del Football Avenue

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.