All newsAltri eventiAziendeBrandDigital Media SportDiritti di immagineEconomia E PoliticaFederazioni Esterehome pageIstituzione e AttualitàPremier LeaguePrurito calcisticoPubblicitàPunto e a Capo

BARCLAYS E CAZOO SI UNISCONO AL BOICOTTAGGIO DEI SOCIAL MEDIA DEL CALCIO

(di Lorenzo Di Nubila) Il gigante bancario Barclays si unirà al “boicottaggio” pianificato sui social media da parte di calciatori, club e organizzazioni inglesi tra il 30 aprile e il 2 maggio.
Una coalizione dei più grandi organi di governo e organizzazioni del calcio inglese, tra cui la Federcalcio (FA), la Premier League e la English Football League (EFL), tace sui social media in uno spettacolo di solidarietà contro il razzismo.
FA Women’s Super League (WSL), FA Women’s Championship, Professional Footballers ‘Association (PFA), League Managers Association (LMA), Professional Game Match Officials Limited (PGMOL), Kick It Out, Women in Football e Football Supporters’ Association (FSA) sospenderanno inoltre qualsiasi utilizzo dei propri account sui social media dalle 15:00 di venerdì 30 aprile fino alle 23:59 di lunedì 3 maggio.

Barclays è il title sponsor della WSL e la banca ufficiale della Premier League e sosterrà il blackout. Non ci saranno post sui social media sulle pagine di Facebook e Instagram di Barclays Football né sull’account Twitter di Barclays Footy, mentre gli altri canali social dell’azienda eviteranno tutte le attività legate al calcio.

Il rivenditore di auto online Cazoo, nuovo partner titolare del St Leger Festival di corse di cavalli, nonché sponsor di maglia di Aston Villa ed Everton, è diventato il primo grande marchio ad annunciare il suo supporto con altri che dovrebbero seguire l’esempio.

“In solidarietà con i nostri partner e come presa di posizione contro gli abusi totalmente inaccettabili che condanniamo con la massima fermezza, Cazoo si unirà a questo boicottaggio dei social media in questo periodo”, ha fatto sapere un portavoce di Cazoo.

La mossa segue i blackout dei social media da parte di Swansea City, Birmingham City e Rangers nelle ultime settimane, con il capitano del Liverpool Jordan Henderson che ha affermato che sarebbe disposto a seguire l’esempio dell’ex capitano dell’Arsenal Thierry Henry nel mettersi offline del tutto per protestare contro il comportamento razzista.L’agenzia di stampa PA comprende che Sky Sports, che è partner dell’ente anti-discriminazione Kick It Out, sostiene il blackout dei social media.

Il boicottaggio potrebbe essere abbracciato anche da altri sport, con la Lawn Tennis Association (LTA) che conferma il suo coinvolgimento.

Ma la Rugby Football Union (RFU), l’organo di governo del sindacato inglese di rugby, ha confermato che non si unirà al boicottaggio e nemmeno il Tour europeo del golf.

Altrove nella sponsorizzazione del calcio, la rete televisiva a pagamento britannica Premier Sports ha assunto la partnership per il titolo per la Coppa di Lega scozzese in un accordo che copre almeno le prossime due stagioni.

La sponsorizzazione del titolo della Coppa di Lega arriva attraverso ulteriori investimenti da parte di Premier Sports, in quanto conferma anche un’estensione della sua partnership televisiva nazionale per la competizione per club a eliminazione diretta fino almeno alla fine della stagione 2026/27.

Previous post

I MONDIALI DI CALCIO 2022 OTTENGONO IL SOSTEGNO DI HISENSE

Next post

CEO SPOTIFY, L'OFFERTA DI ACQUISTO PER L'ARSENAL E' REALE

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.