All newsAltri eventiAziendeBasketBrandEconomia E Politicahome pageIstituzione e AttualitàMarketingNBASponsorshipSport BusinessTecnologia

Oklahoma City Thunder e Paycom, accordo per i naming rights dell’arena per i prossimi 15 anni 

(di Alessandro Giannini) – Gli Oklahoma City Thunder e Paycom, fornitore americano di tecnologia per le risorse umane e le buste paga online con sede proprio a Oklahoma City, hanno annunciato di aver raggiunto un accordo di sponsorizzazione della durata di 15 anni relativo ai naming rights dell’arena dei Thunders.

Il cambio di nome della casa della franchigia di NBA, ora dunque chiamata Paycom Center, avrà effetto immediato, con la segnaletica esterna da completare in tempo per l’inizio della prossima stagione, che vedrà inoltre il ritorno dei fan all’interno dell’impianto, pronti a godersi l’esperienza di gioco offerta dalla squadra locale.

L’accordo relativo ai naming rights dell’arena include anche il posizionamento del logo Paycom sul tetto e sull’esterno del complesso sportivo, sul campo di gioco, sul tabellone e anche davanti alle panchine dei giocatori.

Paycom, che è una delle più grandi società dell’Oklahoma, con una capitalizzazione di mercato di circa 23 miliardi di dollari, sarà il terzo naming rights sponsor dell’arena da 18.000 posti, aperta nel 2002 e gestita da ASM Global.

Chad Richison, fondatore e CEO di Paycom, ha dichiarato: “Oklahoma City ospita migliaia di nostri dipendenti e sono felice che Paycom Center sarà la casa dei Thunder. Ci impegniamo per la nostra comunità e rimaniamo concentrati sul futuro mentre sosteniamo la squadra di casa“.

La notizia della collaborazione, apparsa sul sito ufficiale dei Thunder, non può di certo essere paragonata ad un fulmine a ciel sereno.

La ricerca di un nuovo partner da parte della franchigia americana era infatti iniziata già da diverso tempo, ovvero da quando Chesapeake Energy, vecchio sponsor, concluse il suo accordo con la squadra ad aprile dopo aver presentato istanza di fallimento secondo il cosiddetto capitolo 11, norma della legge fallimentare statunitense, nel giugno dello scorso anno. L’accordo, firmato nel 2011 e originariamente previsto per 12 anni, valeva 3 milioni di dollari all’anno.


I termini finanziari del nuovo accordo con Paycom non sono invece stati resi noti, ma, secondo CNBC, il valore totale dell’operazione non dovrebbe superare i 100 milioni di dollari.

Siamo particolarmente orgogliosi di migliorare il nostro allineamento con questa azienda innovativa e visionaria dell’Oklahoma che non solo è un creatore di posti di lavoro di prim’ordine, ma anche un leader tecnologico riconosciuto a livello nazionale.” ha affermato Clayton I. Bennett, presidente degli Oklahoma City Thunder.

La nostra franchigia condivide la visione sempre rivolta al futuro di Paycom, la grinta e la ricerca incessante dell’eccellenza, combinate con la passione, per avere un impatto sulla nostra comunità. Insieme, ci impegniamo a lavorare fianco a fianco per creare il meglio per i nostri tifosi e la città.

 

Previous post

Tokyo 2020, dai Giochi attesa una spinta agli scambi commerciali Italia-Giappone

Next post

Il calcio europeo registra una contrazione per la prima volta dopo oltre dieci anni

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.