All newsAltri eventiAltri SportAziendeConiFederazioni ItalianeIstituzione e AttualitàSport BusinessSport Federazioni

Malagò (CONI): Puntiamo a coprire il Centrale del tennis e ad ampliare il Grand stand Arena

Il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, ha partecipato – insieme al Segretario Generale, Roberto Fabbricini, e al Vice Segretario Generale e Responsabile della Preparazione Olimpica, Carlo Mornati, alla conferenza stampa di chiusura della 73esima edizione degli Internazionali BNL d’Italia, alla presenza del Presidente della FIT, Angelo Binaghi, e di Nicola Pietrangeli.

Un momento del saluto di Giovanni Malagò (CONI) per annunciare l'accordo con Coca Cola per Rio2016

Un momento del saluto di Giovanni Malagò (CONI) per annunciare l’accordo con Coca Cola per Rio2016

Nel corso dell’incontro con i rappresentanti degli organi di informazione sono stati comunicati i numeri principali (di successo) della manifestazione, che ha fatto registrare un ulteriore incremento di spettatori paganti rispetto alla passata stagione (da 192.817 a 204.416, con dati aggiornati al 14 maggio) e una crescita del 35% complessivo rispetto al 2011, con un incasso di 11.709.689 euro, che vale il +118% sempre prendendo come parametro di riferimento il 2011.

Malagò ha espresso il proprio orgoglio per il successo fatto registrare dall’evento, realizzato in joint venture tra FIT e Coni Servizi, per l’immagine dell’intero movimento sportivo italiano e per la città di Roma, candidata per ospitare i Giochi Olimpici del 2024.

“Dietro ai numeri c’è un lavoro e una pianificazione lungimirante: il CONI – attraverso Roberto Fabbricini e Carlo Mornati, che sono nel Comitato di Gestione, ma anche tramite Diego Nepi (direttore marketing del CONI), che cura la parte operativa – ha sempre creduto nel torneo. Questa è una partnership vincente, che ha dimostrato di avere forza e capacità, da utlilizzare come modello di riferimento anche nell’ottica di programmi futuri. Il margine operativo lordo compensa ampiamente quel che è stato fatto in termini di investimenti: abbiamo avuto coraggio, ma le potenzialità del format si intuivano. Devo dire che i risultati sono andati oltre le più rosee aspettative. Grazie quindi alla FIT, al Presidente Binaghi e a tutto lo struttura.

Nello sport bisogna saper investire bene, come in tutti i settori della vita, ma sarebbe sbagliato limitarsi a specchiarsi in quel che è stato fatto in passato. Bisogna continuare a investire, perché c’è una domanda diversa. Sono felice di annunciare che stiamo andando avanti con una conferenza di servizi, finalmente istituita, con il Ministero dei Beni Culturali, con il Sovrintendente, con la Regione e con il Comune: siamo disposti a finanziare una struttura mobile con un elemento di integrazione di posti – dai 1000 ai 2500 – prevedendo anche corporate box.

E’ un progetto con ammortamento a 25 anni da realizzare attraverso il Credito Sportivo. Mi sembra che si vada nella direzione giusta, finalmente, e questo può riflettere i suoi benefici effetti anche per tutto il mondo sportivo italiano. L’altra novità riguarda il Grand Stand Arena: stanzieremo un investimento per ampliare la struttura di circa 1500 posti perché vogliamo valorizzarla al massimo, senza mancare di rispetto al Nicola Pietrangeli. Si tratta di un’idea chiamata a promuovere sinergie nell’area del Parco del Foro Italico, anche tra eventi sportivi e di intrattenimento. Gli Internazionali sono un grande spot per Roma e ora sta crescendo anche il rispetto culturale della città nei confronti delle manifestazioni sportive. Un bel segnale anche per coltivare il sogno di Roma 2024. Il nostro sistema organizzativo guadagna in credibilità”.

Il Presidente della Federtennis, Angelo Binaghi ha sottolineato l’importanza delle annunciate novità: “Il campo col nuovo tetto sarà la casa ideale non solo per il tennis, ma anche per altri sport e manifestazioni. Siamo felici e soddisfatti dei riscontri ottenuti in questa edizione e siamo proiettati verso il futuro, perché vogliamo crescere ancora”.

fonte: Coni.it

Previous post

Toro stagione '76: quel sentiero granata tracciato 40 anni fa

Next post

Flaminio: se il bando va in fumo pronto il CONI ad acquistare ad 1 euro e poi ad investire

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.