All newsAltri SportConihome pageIOCOlimpiadiRio 2016

Le acque aperte di Rio2016 come le fogne non trattate. A rischio la salute degli atleti.

La notizia è sbarcata in Europa e nel circuito internazionale come un fulmine a ciel sereno: le acque di Rio2016 sono pericolosissime per gli atleti olimpici che vi gareggeranno.

Manca poco meno di un anno ai Giochi di Rio2016, in Brasile, prossima edizione estiva dell’Olimpiade e scoppia un caso che farà parlare per lungo tempo gli addetti ai lavori. Secondo quanto rilevato da Associated Press, la più importante agenzia stampa al mondo, le acque aperte dove si svolgeranno diverse discipline sportive in occasione dei Giochi sono molto pericolose per gli atleti stessi, sia se dovessero fortuitamente ingerire l’acqua durante le gare, sia anche e solo a contatto con la pelle. Le acque incriminate infatti sono ricche di virus molto pericolosi per la salute degli atleti coinvolti nelle gare. Queste acque sono infatti assimilabili ai liquidi contenuti nelle fogne “non trattate”:
AP ha commissionato ad un team di esperti analisi trimestrali dell’acqua nelle tre sedi di competizioni in “acque aperte”: Marina da Gloria a Guanabara Bay (vi si svolgeranno le gare di vela), la spiaggia di Copacabana (nuoto di fondo e triathlon) e il lago Rodrigo de Freitas (dove si terranno le gare di canoa e canottaggio). Anche quando sono sulle barche, si legge nel report, gli atleti rischiano di entrare in contatto con l’acqua: i virus possono attaccare il corpo umano anche tramite gli occhi, le narici o un taglio sulla pelle.

Previous post

Parte #aroundtheworld, iniziativa di co-marketing Marriott-NBA

Next post

Stadio Friuli: copertura impianto made in Israel

Marcel Vulpis

Marcel Vulpis

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.