All newsAltri eventiAziendeBrandCalcioCalcioEconomia E PoliticaEventiFederazioni Italianehome pageIstituzione e AttualitàPrurito calcisticoPubblicitàPunto e a CapoSerie A - Serie BSponsorshipSport BusinessSport e ScommesseTecnologia

La FIGC chiede al Governo la sospensione del divieto di sponsorizzazione delle scommesse

(di Guido Paolo De Felice) – La Federcalcio italiana (FIGC) recentemente ha sostenuto che il divieto di sponsorizzazione di scommesse e pubblicità del paese dovrebbe essere temporaneamente sospeso per consentire al settore sportivo di recuperare i guadagni persi a causa della pandemia da Coronavirus. Attuato per la prima volta il 1° gennaio 2019, il divieto di pubblicità sul territorio italiano ha vietato l’intera gamma del marketing commerciale, compresi i product placement, la distribuzione di articoli brandizzati e qualsiasi operazione di influencer marketing.

Nonostante ciò, le squadre di calcio italiane sono state in grado di raggiungere accordi con società in mercati alternativi al di fuori dell’Italia e, a qualsiasi accordo firmato prima dell’attuazione della nuova legge, è stato consentito di raggiungere le conclusioni concordate.

Il governo italiano del primo ministro Mario Draghi ha esercitato una crescente pressione sull’industria delle scommesse e dei giochi del paese, definendo piani quest’anno per ridurre il numero di licenze di gioco da 85 a 50 entro il 2023, spingendo l’Associazione europea di gioco e scommesse (EGBA) ad informare la Commissione europea (CE) chiedendo spiegazioni.

Commentando il divieto di sponsorizzazione, Gabriele Gravina, Presidente della FIGC, ha dichiarato: “Siamo ad un bivio e bisogna agire tempestivamente per evitare che la crisi del calcio professionistico obblighi le società a bloccare la propria attività, mettendo in ginocchio l’intero comparto sportivo, le aziende dei 12 settori merceologici ad esso collegati e l’intero sistema Paese, con una non auspicabile diminuzione dei contributi fiscali diretti e indiretti. Non abbiamo chiesto ristori al governo, ma piuttosto di riconoscere l’importanza socio-economica che ha il calcio, attraverso l’adozione di alcune misure urgenti per risollevare i club dalla crisi generata dal COVID-19. Il calcio può giocare un ruolo decisivo nella ripresa complessiva dell’Italia”.

La FIGC ha chiesto un minimo di 2 anni di revoca delle misure di divieto fino al 30 giugno 2023 per consentire al settore di recuperare i mancati guadagni.

Inoltre, la Lega ha anche sostenuto la creazione di un Fondo di risparmio calcistico, anch’esso con scadenza 30 giugno 2023, che vedrebbe l’1% di tutte le scommesse sportive online e in presenza, realizzate in Italia, inviato a un fondo nazionale gestito dalla FIGC, con l’obiettivo di finanziare progetti calcistici sportivi su tutto il territorio nazionale.

Tra le misure figurano inoltre richieste di sgravi fiscali e contributivi, l’accesso agevolato a misure a sostegno della liquidità delle società sportive e ‘procedure dedicate’ per la conciliazione dei debiti tributari delle società calcistiche con l’Agenzia delle Entrate.

Previous post

La blockchain Elastos per combattere il traffico illegale di bambini nello sport

Next post

La sostenibilità ambientale al centro della partnership tra la Formula 1 e Best Water Technology  

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.