Altri eventihome pageIstituzione e AttualitàOsservatorio PoliticoParlamento e GovernoSerie A - Serie BStadi di calcio

Grillo (M5S): Su stadio della Roma non può decidere solo la Regione

Nella seconda giornata di Beppe Grillo (fondatore del movimento 5 Stelle), che si è mosso e ha parlato come fosse il futuro capo del Governo, si è tornati a parlare del progetto dello stadio della AS Roma.
“Non è possibile che per qualsiasi investimento tu debba passare attraverso la Regione Lazio. L’ente decide se fare o non fare una struttura da un milione di metri cubi, e il Comune deve subire questa roba. Dobbiamo avere avere una legislazione dello Stato che dica effettivamente se Roma è la citta’ Capitale d’Italia. Cosi’, non c’è”.  
Beppe Grillo in un passaggio di un lungo post su Roma, pubblicato sul suo blog, rivendica una vera normativa che dia a Roma i poteri di una Capitale.

L’immagine della scalinata che porta alla piazza del Campidoglio

 
“Io vi dico due cifre perché sono un ragioniere: abbiamo un bilancio di 4,5 miliardi in questa città, di spesa sono destinati agli investimenti solo 236 milioni. Milano destina agli investimenti 10 volte di più”. Così lo showman ligure sul suo blog in un post in cui parla di Roma dal punto di vista del “ragioniere Giuseppe Grillo”. Roma, continua, “è un Comune strano, questa dovrebbe essere la Capitale d’Italia e qui hanno vissuto in questo sogno metafisico che veramente fosse la Capitale. Ma tutte le capitali del mondo hanno una legislazione da parte dello Stato, privilegiata, con finanziamenti privilegiati, perché qui sono le ambasciate, ci sono i flussi del Vaticano, ci sono milioni di turisti, non è che puoi trattarla come una una città normale. Non è possibile che per qualsiasi investimento tu debba passare attraverso la Regione Lazio che decide se fare o non fare una struttura da un milione di metri cubi, e il Comune deve subire”.  Roma, continua Grillo, “non e’ una citta’ normale, e’ la citta’ piu’ grande d’Europa, dopo Londra credo sia la piu’ estesa d’Europa, ha 8560 km di strade, Milano ne ha 1700, hai voglia a mantenere il verde, l’illuminazione, le buche… 8560 km, Milano 1700! Destina Milano ad ogni chilometro delle sue strade un milione e mezzo di euro, qui a malapena sono 130 mila a km. Quel debito e’ un’allucinazione, e’ metafisica, perche’ ce l’hai a prescindere, ce l’hai gia’. Quindi il debito è di 15 miliardi di euro, viene messo a bilancio fino al 2048, e una parte se la caricano i romani che avranno tutti i torti del mondo “Ahò nun pago, ah non me rompe il ca…”, ma si caricano del 30%, perché qui c’è un flusso di immondizia del 30% in più di qualsiasi citta’ in Europa”. Ma, continua il leader M5s, “allora non puoi avere avere un trattamento da città normale. Berlino, Londra, Parigi, Madrid sono tutte capitali che hanno un contatto diretto con lo Stato, non passano attraverso la regione Lazio”. Il discorso che voglio fare io è che qui o si diventa Capitale sul serio, perché non puoi avere lo Stato che è di un partito, la regione di un altro partito, il Comune di un altro partito, è chiaro che si blocca tutto”.
Previous post

Di Battista l'ideologico tra stadio della Roma e Olimpiade 2024

Next post

Annunciata la scoperta di un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.