All newsAltri eventiEconomia E Politicahome pageIstituzione e AttualitàOsservatorio PoliticoParlamento e GovernoSerie A - Serie BSport Business

Forza Italia come AC Milan: c’è scarsa liquidità nelle casse. E all’orizzonte non ci sono neppure i cinesi

Le casse di Forza Italia (partito fondato e guidato da Silvio Berlusconi) soffrono la crisi. Chi non continuerà a pagare tra i parlamentari non verrà candidato alle prossime politiche (previste non oltre per il febbraio/marzo 2018)

Il meeting politico svoltosi a Palazzo Grazioli  lo scorso 3 marzo ha toccato come tema anche la situazione finanziaria del partito: 32 parlamentari non hanno
neanche risposto alle sollecitazioni a pagare le quote  spettanti. I vertici di FI hanno inviato diversi giorni fa anche  una lettera ’ad personam’ ricordando agli insolventi che  perdurando questa situazione non saranno più candidati, né  invitati al Consiglio nazionale che si terra’ il 30 marzo.

Una immagine del promo su “My Way” docu-film su Silvio Berlusconi

“Ma sono poveri?”. E’ la domanda (forse anche un minimo ironica) che l’ex premier ha fatto a  chi ricordava alcuni nomi dell’elenco in possesso del
tesoriere. A chi ha proposto uno sconto del 20% agli  inadempienti il Cavaliere ha replicato con  durezza: chi non è in regola non solo decadrà dagli incarichi
(una parte dei consiglieri regionali non si è neanche iscritta  a FI) è fuori dal partito.

Una immagine di Silvio Berlusconi con i trofei conquistati dall’AC Milan nei 30 anni di gestione aziendale (foto tratta dal web)

E’ tempo di crisi quindi anche per i parlamentari di Forza Italia, ma l’invito a pagare è il chiaro segnale di una mancanza di liquidità nelle casse del partito, e questo in vista delle prossime politiche (che sarà una tornata elettorale molto dispendiosa) non è un bel segnale. Anche perché Berlusconi non vuole in alcun modo continuare a pagare per tutti. Siamo all’auto-finanziamento come nel Milan di Adriano Galliani. Peccato che nel caso di Forza Italia non ci siano neppure all’orizzonte le ombre dei finanziatori cinesi (sempre che riescano tra meno di un mese a pagare i restanti 320 milioni di euro per l’acquisizione del gruppo di AC Milan da parte della holding Fininvest). 

da sinistra verso destra – Barbara Berlusconi, Sinisa Mihajlovic, Silvio Berlusconi e Adriano Galliani, in occasione della presentazione alla stampa del Mister (all’interno di Casa Milan) – photo credits Studio Buzzi

Previous post

FederSupporter commenta le relazioni semestrali di Juve e Roma

Next post

Speranza (MDP) chiede le dimissioni del ministro dello sport Lotti

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.