All newsAtletica LeggeraConihome pageIOCIstituzione e Attualità

Al via NADO Italia: nuova struttura anti-doping

Il presidente del CONI, Giovanni Malagò, insieme al Segretario
Generale, Roberto Fabbricini, e al Vice Segretario Generale, Carlo
Mornati, ha presentato ieri – al Foro Italico – il nuovo Responsabile
della struttura antidoping NADO Italia, il Generale Leonardo
Gallitelli, già Comandante dell’Arma dei Carabinieri.

La nomina di Gallitelli è stata ratificata dalla riunione di Giunta
Nazionale che si è tenuta martedì scorso a Torino. Il Presidente
Malagò – nell’esprimere il sentimento di orgoglio dello sport italiano
per l’alto profilo del nuovo responsabile – ha rivelato il percorso
che ha portato a un’investitura capace di sintetizzare la svolta nel
settore antidoping.

“Si tratta di un ulteriore tassello del percorso avviato con Cosimo Piccinno, che ricordo sempre con stima ed emozione.
Dopo il documento attuativo firmato a maggio con i NAS mancava la
scelta della persona chiamata a presiedere la struttura, da
individuare d’intesa con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e
col Ministero della Salute. Ho presentato il nome di Gallitelli al
primo Ministro, Matteo Renzi, che ha condiviso la scelta, e
successivamente ho ricevuto anche la piena e totale adesione del
Ministro alla Salute, Beatrice Lorenzin. Questo passaggio conferma la
volontà di aprire le porte di una struttura antidoping dalla
riconosciuta credibilità, certificata anche dalla WADA, e apprezzata a
livello internazionale. Gallitelli è sinonimo di ulteriore
credibilità, la certezza di poter contare su un contributo serio e
importante. Sarà lui a prendere ogni decisione: ha accettato dopo aver
visionato e approfondito l’argomento. Sono grato anche ai NAS per
averci consentito di sviluppare questo percorso. Saranno insigniti di
una importante onorificenza per il contributo garantito al mondo dello
sport nell’attività di contrasto al doping”.
Carabinieri antidoping

 

Previous post

La "magia" di Florenzi in Champions contro il Barça scatena i social

Next post

World Rugby a caccia di gambler durante il Mondiale

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.