All newsAziendeBrandCalcioDigital Media SportDiritti di immagineEditorialiFootball JerseyGuerrilla Sporthome pageIstituzione e AttualitàMerchandising LicensingSerie A - Serie B

#11SiamounaSquadra e la Lazio va a casa dei tifosi

(di Marcel Vulpis) – Per il lancio della maglia Away, la SS Lazio ha deciso di chiamare a raccolta alcuni tra i giocatori più rappresentativi, oltre che il presidente Claudio Lotito in persona. Nei giorni scorsi diversi giornali hanno fatto notare che il club romano aveva registrato appena 11 abbonamenti nel primo giorno della nuova campagna.

Ciro Immobile, Marco Parolo, Lucas Biglia, Federico Marchetti03-08-2016 RomaPresentazione della seconda maglia Lazio 2016-2017@ Marco Rosi / Fotonotizia

Ciro Immobile, Marco Parolo, Lucas Biglia, Federico Marchetti03-08-2016 RomaPresentazione della seconda maglia Lazio 2016-2017@ Marco Rosi / Fotonotizia

L’area marketing del club guidata da Marco Canigiani ha stravolto questo fatto “negativo” in positivo. Da qui l’idea di mandare a casa di questi primi 11 abbonati alcuni calciatori e lo stesso presidente, portando in dono la nuova maglia Away 2016/17. Grande emozione in occasione di ogni incontro speciale tra calciatori e tifoso-abbonato, come nel caso dei tre abbonati di Santa Marinella (due nonni e un nipotino), che hanno visto arrivare alla porta di casa proprio il numero uno biancoceleste, con tanto di maglia nuova firmata Macron. In tutti e undici i casi, nessuno dei tifosi sapeva dell’arrivo dei calciatori biancocelesti, se non di un fantomatico pacco di un corriere espresso. La Lazio ha dimostrato di saper trasformare in una opportunità una precedente criticità tanto da lavorare molto bene sul guerrilla marketing e sul lancio di un hashtag speciale #11siamounasquadra. 

All’operazione che sta avendo in questi minuti una forte viralizzazione sui social hanno partecipato diversi calciatori tra cui Biglia, Parolo, Lulic e il neo acquisto Ciro Immobile. 

Previous post

Rio2016: Michael Phelps portabandiera degli USA

Next post

Lo Sport Marketing & Communication va in aula

Marcel Vulpis

Marcel Vulpis

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.