All newsAltri eventiAltri SportBrand

The Bible Marathon 2016: in Israele lo sport incontra la storia [Immagini]

“poi un uomo della stirpe di Beniamino corse dalla linea di battaglia nello stesso giorno e venne a Silo con i vestiti strappati”, così recita l’inizio del libro di Samuele e come un filo conduttore nei giorni nostri è andata in scena, negli stessi luoghi, la seconda edizione della Bible Marathon in Israele, ed è stato un successo. L’evento sportivo che segue le orme del primo uomo che ha seguito il percorso biblico della città di Benjamin a Shiloh (1 Samuele 5:12), e coprì una distanza di 42 km presso il campo di battaglia Ebena Ezer (la moderna Rosh Ha’ayin) fino a Shiloh, certificandolo come uno dei primi corridori descritti nella Bibbia ebraica, è un’esperienza unica per turisti e sportivi.

IMG_5586

In questa atmosfera, venerdì 21 ottobre, centinaia di corridori provenienti da Israele e da tutto il mondo hanno ripercorso i passi dell’uomo di Benjamin per terminare in una grande festa tra le rovine e mosaici dell’antica Shiloh. Si potrebbe dire che dove non arrivano organizzazioni internazionali come l’UNESCO, ci pensa lo sport a mettere le cose in chiaro.

IMG_5624

 

I percorsi: 42,2 km (alle 05.30 da Rosh Ha’ayin); 21 km (alle 09.00 da Ariel); e intorno a Shiloh Valley la 10 km (alle ore 09.30) e le 5 km (alle ore 08.00), sono adatti a tutti, dagli sportivi e non, con panorami unici che raccontano meglio di mille parole l’impresa dell'”uomo di Benjamin” che andò da Eben Ezer a Shiloh per raccontare la fine della guerra tra gli Israeliti e i Filistei. La missione del corridore era di informare Eli, il sacerdote di Israele, della sconfitta nella guerra, della morte dei suoi figli e la cattura del Arca dell’Alleanza. La lunghezza di questo percorso storico si abbinava perfettamente alla maratona moderna – 42 km (la lunghezza ufficiale determinata nel 1908 alle Olimpiadi di Londra) facendola diventare meta per i podisti di tutto il mondo.

 

 

 

IMG_5588

Abbiamo vissuto di prima persona tutta la manifestazione, sveglia alle 4 per la partenza della 42km, visto l’alba che saluta le colline di Israele dirigendoci verso Shiloh per quella della 5km e 10km. Nella città biblica di Shiloh erano molti i partecipanti della Bible Marathon, nell’area il marathon village all’aperto era ben organizzato con diversi punti di ristoro e attrazioni per i bambini in una splendida cornice, vedere coltivazioni ad esempio vitigni rigogliosi in un’area arida e desertica è stato qualcosa di straordinario. La corsa che i più potrebbero pensare che sia una passeggiata è, a detta dell’italiano Gianfranco Natoli, che di maratone ne ha vissute molte: “una delle maratone più difficili mai corse”.

Anche in questa occasione, la Bible Marathon si è confermato come un appuntamento sportivo da non perdere, Israele riafferma il suo ruolo centrale come una delle capitali dello sport di tutto il mondo.

Previous post

La Juventus cresce in Italia, ma il benchmark è il Barça a 695 mln di euro

Next post

L'esperienza di Mercedes AMG Petronas Garage, presentato da Bose

Cristian Lanzanova

Cristian Lanzanova

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.