All newsAltri eventiEconomia E Politicahome pageIstituzione e AttualitàOsservatorio PoliticoParlamento e Governo

Sisma: il bilancio dei morti sale a 290

Sono 290 (solo ad Amatrice 230), questo è l’ultimo bilancio aggiornato delle vittime accertate del terremoto (avvenuto alle 3:36 di due giorni fa con epicentro ad Accumuli) ed oltre 2.444 sfollati (con 440 ospedalizzati). Nell’aprile del 2009 il sisma che azzerò il centro dell’Aquila portò al decesso di 309 persone. Quindici per il momento i dispersi accertati.

Un dato illustrato nelle ultime ore dal vice capo dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli. “Non ho un dato relativo all’Hotel Roma (albergo principale di Amatrice, nda), noi abbiamo il dato ufficiale della prefettura di Roma”.

Il suolo si è abbassato di 20 centimetri in corrispondenza di Accumoli. Regione Lazio e Protezione civile hanno chiesto lo stop dell’invio di nuovi aiuti. Dopo un’altra scossa di magnitudo 4.8 si sono verificati nuovi crolli ad Amatrice, dove – secondo le parole del sindaco – mancano all’appello ancora altre persone. Chiuso il Ponte a “Tre Occhi”, importante via di accesso verso il comune di Amatrice anche per i soccorsi. Prosegue lo “sciame” sismico (1.300  scosse di assestamento dal terremoto ad oggi): scossa di magnitudo 4.0  alle 4:50 di stamani presso Castelluccio di Norcia.

Oggi alle 11:30 ad Ascoli Piceno si svolgeranno i funerali delle vittime del terremoto del Comune di Arquata del Tronto, nella palestra adiacente all’ospedale ‘Mazzoni’. Il premier Matteo Renzi ha proclamato una giornata di lutto nazionale. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sarà presente e visiterà alcune delle aree colpite dal sisma nel Lazio. Ad Amatrice una celebrazione religiosa, senza salme, si svolgerà mercoledi’ alle 18.00.

Previous post

I gironi della Uefa Europa league 2016/17

Next post

Team GB modello da studiare ma ripartiamo in Italia da un patto sociale con le famiglie

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.