All newsAltri eventiAltri SportConiFederazioni Italianehome pageIstituzione e AttualitàOlimpiadiRio 2016Roma 2024Sport Paralimpico

Roma2024: Lettera aperta di un pentastellato alla sindaca Raggi a poche ore dalla decisione finale

Rinunciare a Roma 2024 sarebbe una sconfitta per lo sport. E una figuraccia per credibilità Italia“. Con queste parole molto dure ha esordito Giovanni Malagò (numero uno del CONI), in questo inizio di settimana molto caldo per il presente/futuro della candidatura olimpica capitolina.

In contemporanea con questa dichiarazione Fabrizio De Jorio, giornalista Rai e sindacalista ASR (componente Giornalisti Italiani Uniti), da sempre vicino alle posizioni del M5S, ha pubblicato sul proprio profilo Facebook una lettera aperta al sindaco Virginia Raggi, invitandola a ripensarci e a dire Sì al progetto.

Lettera aperta a Virginia Raggi, sindaco di Roma
Roma2024, non una mangiatoia bensì un’opportunità storica
Cara Virginia,
anche a nome di molti attivisti del Movimento, vorrei porre alla tua attenzione alcune riflessioni sulla questione difficile e sofferta, relativa ai Giochi Olimpici di Roma2024, cioè se sponsorizzare la candidatura della Capitale quale centro mondiale per ospitare la kermesse internazionale sportiva oppure rinunciarvi.
Certamente la data è relativamente lontana, 8 anni possono essere un’eternità, difficile prevedere come sarà cambiato il clima politico, sociale della capitale e dell’intero Paese. Tuttavia, rinunciare a priori ad ospitare i Giochi olimpici perché altrimenti sarebbe una mangiatoia per i soliti gruppi di potere, per le mafie e per il
#PartitodegliAffari, è sbagliato per diversi motivi. Basta usare il buon senso: se una città, un’intera amministrazione guidata da esponenti del Movimento 5 Stelle, un sindaco finalmente fuori dalle consorterie politico-affaristiche, non sono in grado di prevenire il malaffare che cerca di insinuarsi nella gestione del denaro pubblico, allora è come dichiarare il fallimento del progetto politico del Movimento stesso!
In secondo luogo, scusa Virginia, se ogni manifestazione deve essere rinviata perché altrimenti può essere la mangiatoia di mafie, politici corrotti, ladri e truffatori, allora la daremmo vinta proprio a questi soggetti! Una sana amministrazione fatta da persone oneste e competenti, che è in grado di coinvolgere i cittadini, non può e non dovrebbe temere l’inevitabile tentativo di infiltrazioni mafiose, affaristiche nel business! Certo, è difficile tenere lontani non solo le mafie ma anche quelli che già oggi si sfregano le mani: dai palazzinari, ai costruttori, ai politici, agli imprenditori che, lecitamente si attendono di far parte della grande abbuffata e rivendicano, fin d’ora un pezzo della torta.
Certo ci saranno difficoltà enormi, ma rinunciare significa gettare la spugna, vulnerare le legittime aspettative di migliaia di atleti, coach, squadre, di tifosi e cittadini, ma anche di tutti coloro che oggi possono sperare su un progetto di lungo respiro per riqualificare l’intera città partendo dalle periferie. Sarà un sacrificio per tutti i romani, ma credo che pochi rinuncerebbero a questa opportunità per evitare che i soliti noti possano fare business illeciti. Sarebbe un atto autolesionistico e consentimi, anche un po’ ingenuo.
Non solo, ma rinunciare significherebbe negare anche agli atleti paralimpici che ci hanno regalato a Rio soddisfazioni così importanti e un medagliere di tutto rispetto, di partecipare alle Olimpiadi nel proprio paese, costringendoli ad andare chissà dove!!! Con il rischio che le mafie, che non hanno confini, si spostino altrove per mettere in atto le loro strategie del malaffare.
Non credi che si possa coinvolgere l’Anac di Raffaele Cantone, al fine di garantire un controllo di legittimità e tutte le altre forze di polizia per creare una sorta di Task force anti-illegalità?
Le persone vincenti, trovano soluzioni, strade alternative, quelle perdenti solo scuse. Tu sei vincente, Virginia, trova le soluzioni, le strade migliori per prevenire e limitare al minimo le criticità, ma non rinunciare perché qualche esaltato dell’onestà o qualche talebano ha così decretato! Sei popolare quasi quanto Renzi, anche se vali molto, ma molto di più. Sappi essere quella donna autentica che hai dimostrato di essere in campagna elettorale ma anche un sindaco coraggioso, leale, onesto. Non perderti nelle pastoie e vedrai che i romani, anche quelli che non ti hanno votata, saranno con te e con le tue scelte.
Pensaci. Un abbraccio
Fabrizio de Jorio

Una immagine tratta dal web del giornalista Fabrizio De Jorio

Una immagine tratta dal web del giornalista Fabrizio De Jorio

Previous post

ACF Fiorentina: terza maglia inedita color rosso per l'Europa league

Next post

Al via il master del Sole 24 Ore in Sport Business Management

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.