All newsAltri eventiAziendeConiEconomia E PoliticaEventiFormazione&Convegnihome pageIstituzione e AttualitàOsservatorio PoliticoSponsorshipSport Business

L’impatto economico delle Universiadi 2019 sul territorio della Campania

Le Universiadi 2019 sono una grande “opportunità” per il territorio della Campania, dove più del 54% (la media nazionale è 38.1%), secondo “I Numeri dello Sport – CONI (2018), non pratica sport (con i principali capoluoghi di provincia inseriti nella parte più bassa dell’indice di sportività de Il Sole24Ore). Il primo obiettivo dei grandi eventi sportivi infatti è promuovere la pratica dello sport.

Ma le Universiadi di Napoli, giunte alla XXX edizione (dal 3 al prossimo 14 luglio), sono da leggere anche in chiave economica. 

Sono attese più di 15 mila unità, tra atleti, dirigenti e accompagnatori. Considerando le 10 giornate di gare ufficiali si stimano non meno di 150 mila presenze sul territorio di Napoli e provincia. 

I numeri dell’evento a marchio FISU: 18 sport per 58 impianti, 124 Paesi, 3 villaggi degli atleti, 222 cerimonie di premiazione, più di 110 emittenti tv e 550 ore di produzione televisiva. 

Le Universiadi sono nate per volontà delle istituzioni pubbliche: il governatore Vincenzo De Luca durante il workshop organizzato di recente da USSI (su idea del giornalista sportivo Gianfranco Coppola) e AIPS (presente il n.1 mondiale, il giornalista Gianni Merlo) a Napoli è stato chiaro: “Abbiamo deciso di investire 170 milioni di euro di risorse pubbliche. Il Governo ha investito altri 100 milioni, ma alla fine è una partita di giro tra regione Campania e Stato. In totale sono 270 milioni per migliorare le strutture e lanciare nel mondo una immagine moderna del nostro territorio”. 

Circa 153 milioni di euro saranno destinati alla ristrutturazione e riammodernamento degli impianti sportivi, altri 100 milioni verranno inseriti nello sviluppo del piano “servizi” in ambito regionale. La ricaduta sarà, soprattutto, sul settore ospitalità della Campania: 47% (turismo-strutture ricettive), a seguire i servizi (43%). Il restante 10% impatterà sull’occupazione. Ma la vera legacy (eredità post evento) riguarderà l’area dell’impiantistica sportiva. Proprio per facilitare quello sviluppo della pratica sportiva,che, in Campania, al momento, è carente. 

All’evento di Napoli organizzato da USSI e AIPS all’hotel Royal Continental, sotto l’egida del CONI Campania e della FISU, ha partecipato il direttore dell’agenzia Sporteconomy.it, Marcel Vulpis (nella foto in primo piano). Per l’occasione sono stati presentati una serie di dati economici sull’impatto delle Universiadi. 

Previous post

Premio "Città di Roma", presentata al CONI la V edizione

Next post

Adidas-Real Madrid: pioggia di denaro in arrivo. Contratto da 1.6 mld di euro

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *