All newsAltri eventiAziendeBrandCalcioCalcioEconomia E PoliticaeGameseSportshome pageIstituzione e AttualitàMarketingPrurito calcisticoPubblicitàPunto e a CapoSponsorshipSport BusinessTecnologia

In crescita inumeri Esports 2002. Il 63% degli uomini segue il nuovo trend con interesse. Twitch Prime il servizio più acquistat

(di Antonio Spina) – IIDEA (Italian Interactive Digital Entertainment Association) in collaborazione con Nielsen (società leader nella gestione e raccolta di informazioni sui media e statistiche di mercato), ha realizzato il Report 2022 sugli Esports in Italia.Il rapporto traccia un identikit sia quantitativo, con un focus preciso relativo ai numeri di questo settore, ma anche qualitativo, andando ad analizzare fattori, quali età e preferenze dei fan. Dati che, in maniera simile al ramo più puro del gaming in Italia, sono in una fase di consolidamento dopo un momento di standby per gli eventi in presenza durante la pandemia.
Secondo la ricerca, in Italia 475 mila persone seguono quotidianamente eventi esports (avid fan). Il bacino di utenza si espande a circa 1.620.000 persone, se si considerano anche coloro che dichiarano di seguire un evento esports più volte a settimana (esports fan). Si tratta di un dato stabile rispetto alla precedente rilevazione, indice di un consolidamento dell’interesse per gli esports anche da parte di coloro che si sono avvicinati per curiosità a questa forma di intrattenimento, con la conseguenza, di appassionarsi.
La passione per gli esports risulta essere costante nel tempo per gli avid fan (il 37% li segue da almeno 3 anni) e si sta ulteriormente consolidando nella fanbase più ampia, che in media dedica 4,8 ore a settimana, in linea con attività di entertainment, quali ascoltare musica o guardare TV o video online. Il 59% dei fan, inoltre, dedica dalle 2 alle 7 ore complessive alla settimana per attività legate al mondo esports.
Gli appassionati di esport in Italia sono principalmente uomini (63%), ricompresi tra i 21 e i 40 anni con un’età media di 28, con un livello di istruzione e un reddito superiore alla media della popolazione.
Il genere videoludico più in voga su console è quello sportivo. Al secondo posto ci sono gli sparatutto che sono anche il genere maggiormente utilizzato to su PC, seguiti da Battle Royale e MOBA. Infine, su mobile, si gioca in primo luogo a titoli di strategia. Un fan esport ha un account di gioco su più piattaforme diverse e il 68% ha almeno un account su uno store digitale, tra i quali spicca PlayStation Store (32%).
Il 55% si è iscritto ad almeno un account di servizi in abbonamento, dove Twitch Prime (24%) risulta essere il più acquistato. Infine, il 51% è iscritto ad uno dei tre servizi per giocare online su console e PlayStation Plus è il più acquistato (30%). I dispositivi più utilizzati per seguire gli eventi esport sono principalmente computer (56%) e smartphone (54%).
Durante la fruizione degli eventi, i fan tendono a chattare (tramite social media o forum tematici) e ascoltare musica, anche grazie al fatto che ben il 79% degli appassionati possiede una connessione internet (Fibra Ottica o ADSL) che li agevola in queste attività su un secondo schermo. In grande ascesa i giochi mobile (+11% rispetto a rilevazione 2021).
La spesa media mensile per voci legate agli esports come merchandising, abbonamenti ed eventi si aggira intorno ai 46,9 euro per i fan, arrivando a 60,5 euro per gli avid fan. Questo gap di propensione alla spesa tra fan e avid fan risulta essere maggiore per merchandising e minore per contenuti in-game.
Uno dei motivi principali per seguire gli esports è, infatti, il desiderio di trascorrere tempo con gli amici con cui si condivide lo stesso hobby. Una passione che ricopre un ruolo funzionale a sviluppare soft skill e valori come propensione al lavoro in team e capacità di problem solving, oltre ad uno spirito di sana competizione ed un’attenzione al tema dell’inclusività, che potrebbe essere ulteriormente migliorata sottolineando l’importanza di parità di genere e di regole contro ogni forma di discriminazione.
Previous post

Racines Turismo official partner dell’F.C. Südtirol per tre anni

Next post

La tradizione di una città nelle nuove maglie della Ternana calcio (Serie B)

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.