All newsAltri eventiAltri SportAziendeBrandEconomia E PoliticaEmergenza Coronavirushome pageIstituzione e AttualitàOsservatorio PoliticoParlamento e GovernoPunto e a CapoSport Business

IL MINISTRO GARAVAGLIA SOTTOLINEA L’IMPORTANZA DEL CICLOTURISMO IN ITALIA

(di Lorenzo Di Nubila) – Il Massimo Garavaglia, ministro del Turismo dell’esecutivo Draghi, a partire dallo scorso 13 febbraio, in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, ha sottolineato l’importanza del cicloturismo e di ciò che rappresenta in Italia.

Di fatto, il cicloturismo è una vera e propria risorsa, con un valore stimato in area 44 miliardi di euro (su base annua), in Europa. In Italia, invece, secondo il ministro, è bene parlare di “turismi”: ovvero il turismo di montagna, di mare, di collina, il turismo religioso, dei cammini e quello enogastronomico, fino ad arrivare al cicloturismo.
Si tratta di un turismo giovane, considerato ancora di “nicchia2, ma che, nonostante ciò, arriva già a fatturare circa 5 miliardi di euro. Una cifra certamente importante, ma non paragonabile ai 20 miliardi della Germania. Una distanza importante, con un gap che va colmato in tempi brevi, ha affermato il ministro del turismo Garavaglia (Lega).
Il cicloturismo è uno dei turismi su cui puntare e che il governo punta a valorizzare, in quanto si tratta di un turismo orizzontale, un turismo che attraversa la longitudine di quello enogastronomico, di quello sostenibile. E, proprio per queste ragioni, sarà difficile vedere riferimenti diretti del governo nei provvedimenti. Secondo Garavaglia, il governo, però, sta creando le condizioni per un aiuto indiretto, come, ad esempio, il sostenere gli operatori che lavorano in montagna, ma soprattutto attraverso il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), attraverso il quale viene creato un fondo a sostegno degli operatori dal valore di 1,8 miliardi.
Un’altra tematica affrontata dal ministro nel corso della sua intervista con il Corriere della Sera, è quella relativa alle bici elettriche. Quest’ultime favoriscono l’uso delle bici in vacanza e faranno del cicloturismo un’attività adatta a qualsiasi fascia di età.
Anche lo stesso Giro d’Italia, secondo il ministro, può favorire il turismo, questo perchè si avrà la possibilità di mettere in vetrina i territori e le bellezze più interessanti del nostro paese.
Previous post

Harry Kane rinnova l’accordo come main sponsor del Leyton Orient

Next post

La tassazione transnazionale delle prestazioni degli sportivi svolte in più Stati. L'esempio dei ciclisti professionisti

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.