All newsAltri eventiConihome pageIstituzione e AttualitàOlimpiadiRio 2016Roma 2024Sport FederazioniSport.Dilettantistico - Ass. Sportive

Il CONI scende in campo sul caso doping di Niccolò Mornati

 

(di Gianni Bondini) – Non ci voleva proprio. Alle cinque della sera il mondo olimpico viene scosso dalla positività al doping del canottiere Niccolò Mornati. Il farmaco incriminato e l’Anastrazolo, un anabolizzante di ultima generazione.

Mornati junior era stato sottoposto a un controllo a sorpresa dalla Nado Italia il 6 aprile scorso, mentre si stava allenando nel lago di Piedilugo (Terni). L’atleta è stato sospeso e, a meno di un’errata positività, salterà Rio. Quei Giochi, in programma dal 5 agosto prossimo, in cui aveva buone chance nel due senza con Vicenzo Capelli.

L’annuncio del caso di doping è dato dal presidente del Con,i Giovanni Malagò, che aveva fatto convocare una conferenza stampa lampo e si è presentato assieme al segretario generale Roberto Fabbricini.

I più distratti o scarsamente informati sui movimenti del Coni si domanderanno: come mai questo rituale, per l’annuncio di un caso di positività (per gonfiare i muscoli), come ne abbiamo viste tante?

Nicolò Mornati non è un atleta qualsiasi. E’ il fratello minore del vicesegretario generale del Coni e responsabile proprio della Preparazione Olimpica, Carlo Mornati (anch’egli con un passato nel mondo del canottaggio olimpico). E non è tutto. Perché la società sportiva di appartenenza del nostro azzurro è il Circolo Canottieri Aniene, di cui è presidente il capo dello sport italiano, Giovanni Malagò.

Si salva presidente Malagò, per il coraggio di “averci messo assolutamente la faccia”. Poteva affidarsi infatti a un comunicato stampa e/o al classico “no comment”. E, invece, no. Eccolo lì pronto a farsi fare domande dai giornalisti presenti, con a fianco l’inseparabile Roberto Fabbricini, di cui si dice (e forse “si diceva”) Carlo Mornati avrebbe preso il posto nel prossimo quadriennio olimpico.

Guai, però, a servirsi di questo caso per attaccare Mornati senior, che deciderà ciò che gli detta la sua rettitudine e il buon senso. Anche perché ciascuno risponde per sé e non per i parenti. Nello sport tra l’altro ci si rispetta, per fatti di famiglia.

Purtroppo, più che sulle persone citate (assolutamente estranee), questa è una pessima pubblicità, che ricade sulla candidatura di Roma2024. Contro cui, forse vedremo, già nelle prossime ore, scagliarsi i “profeti” di sventure, soprattutto sul fronte dell’opposizione. Ormai c’è un fronte “anti” a prescindere (come nel caso della pentastellata Virginia Raggi o dell’ex PD Stefano Fassina, oggi Sinistra Italiana) ed ogni occasione è buona per criticare. Questo fatto è ascrivibile chiaramente solo a chi l’ha posto in essere ed è giusto che venga escluso se questa positività dovesse essere confermata.

Previous post

L'azzurro Mornati (FIC) trovato positivo a un test antidoping

Next post

L'Albania ad Euro2016 si assicura con Sigal

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.