All newsAltri eventiAltri SportAziendeBasketEconomia E PoliticaEventihome pageIstituzione e AttualitàPubblicitàPunto e a Capo

I Golden State Warriors (NBA) lanciano una nuova divisione per l’intrattenimento

(di Emanuele de Laugier) – I Golden State Warriors, la seconda franchigia più preziosa della National Basketball Association (NBA) con un valore di 5.6 miliardi di dollari, ha annunciato la creazione di una nuova divisione per l’intrattenimento, la Golden State Entertainment (GSE). La GSE creerà documentari su licenza, produrrà musica e terrà eventi dal vivo non inerenti al basket nella Bay Area.

Il massimo dirigente legale del team, David Kelly, supervisionerà la divisione come Chief Business Officer.
Gli Warriors vogliono sfruttare il marchio della squadra al di fuori dello sport, “raccontando le storie di persone che modellano e spostano la cultura”, ha detto Kelly alla CNBC in un’intervista.

La GSE farà il suo debutto con dei documentari che ricapitolano le storie di due ex guardie della NBA, ma i loro nomi non sono stati rivelati perché gli accordi sono ancora in fase di definizione. La nuova divisione d’intrattenimento pubblicherà anche un nuovo singolo di BamBam, star thailandese del K-pop già partner degli Warriors.
Brandon Schneider, presidente e direttore operativo di Golden State, ha dichiarato alla CNBC che la franchigia aveva già preso in considerazione la creazione della GSE prima che la pandemia di Covid-19 bloccasse la NBA, ed il mondo intero, nel marzo del 2020. Il piano è stato accelerato dopo aver visto il successo di “The Last Dance”, la serie che mostra l’ultima stagione di Michael Jordan con i Chicago Bulls. Il documentario su His Airness, che è andato in onda nei primi giorni della pandemia, ha fatto registrare una media di 6.1 milioni di spettatori nei primi due episodi della serie.

“Abbiamo imparato molto. Siamo rimasti tutti affascinati guardandolo”, ha detto Schneider. Gli Warriors sono pronti a mettere a frutto la loro esperienza e la loro disponibilità per soddisfare la domanda dei fan per contenuti simili, ha aggiunto il presidente e direttore operativo di Golden State.
Tuttavia la GSE non sarà in grado di creare, almeno per il momento, documentari sulla più grande star della franchigia della Bay Area, Stephen Curry. Secondo Kelly, il contratto collettivo della NBA impedisce ai team di concedere in licenza i contenuti aggiuntivi attorno ai giocatori ancora in attività. Una volta che Curry si ritirerà (ora ha 34 anni e non si dovrebbe ritirare a breve), la Golden State Entertainment produrrà, molto probabilmente, dei contenuti su di lui.
“Vogliamo raccontare alcune storie sugli Warriors e pensiamo di essere ben posizionati per poterle narrare, tuttavia non ci limiteremo solo a quelle”, ha detto Kelly.

Il massimo dirigente legale di Golden State ha anche dichiarato che la distribuzione non sarà diretta al consumatore, ma la franchigia cercherà di concedere in licenza i contenuti alle piattaforme di streaming come Netflix.
Il denaro proveniente da questi diritti dovrebbe fa aumentare le entrate annuali degli Warriors, che sono già le più alte della NBA, Secondo Forbes, la squadra della Bay Area ha guadagnato 400 milioni di dollari nel 2021. Con gli introiti della GSE, Kelly spera che il valore dei Golden State Warriors possa superare quello dei New York Knicks (5.8 miliardi di dollari) per diventare la franchigia più preziosa della NBA.
L’obiettivo di Joe Lacob, proprietario di maggioranza della squadra della Bay Area, è quello di rendere gli Warriors non solo un team di basket, ma anche un’organizzazione mediatica e tecnologica, ha affermato il nuovo Chief Business Officer della Golden State Entertainment.

Previous post

I progetti futuri della Lega Pro nel settore degli eSports. Il ruolo strategico di WeArena Entertainment S.p.a.

Next post

L'AFA stringe una partnership per i propri contenuti con OneFootball

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.