All newsAltri eventiAziendeBrandCalcioCalcioCalcio.InternazionaleDigital Media SportDiritti di immagineEconomia E PoliticaEditorialihome pageIstituzione e AttualitàMerchandising LicensingPrurito calcisticoPubblicitàPunto e a CapoSerie A - Serie BSponsorshipSport Business

Giorgetti (AC Milan): Puntiamo con decisione sul mercato cinese. E’ il punto di forza della nostra strategia

(di Marcel Vulpis) – Se in ambito sportivo, nonostante un calciomercqto estivo sfavillante (ha investito circa 230 milioni di euro), ancora non ha trovato il punto di equilibrio, sul terreno commerciale il Milan ha le idee molto chiare. Ieri Lorenzo Giorgetti, Chief Commercial Officer (CCO), a Milano ha incontrato diverse testate economiche specializzate, tra cui l’agenzia Sporteconomy (in collegamento telefonico) per spiegare la strategia attivata sul mercato asiatico, con particolare attenzione alla Cina.

“In Cina una indagine Nielsen Sport ci accredita di oltre 93 milioni di fan (tra tifosi e semplici simpatizzanti, nda). Siamo al secondo posto, dietro solo al Real Madrid. Il brand rossonero viene riconosciuto, da tutti, come il club più titolato al mondo, e in quinta posizione globale se si considerano soltanto i “fan”, sempre secondo Nielsen. Adesso la sfida è portare sui social (dove il Milan ha più 24,75 milioni di likers solo su Facebook, nda) questo enorme bacino di interesse. La nostra strategia è pluriennale ed è la ragione per cui abbiamo aperto Milan China. Non intendiamo aprire altre branch (in questa prima fase) in giro per il mondo. Crediamo che sia importante focalizzarci su questo mercato, sviluppando diversi progetti come la monetizzazione dei contenuti. lo sviluppo di seminari, l’apertura e consolidamento di scuole calcio (come nel caso della collaborazione con CNGEF – China Next Generation Education Foundation), il potenziamento del merchandising e la realizzazione di partite di “vecchie glorie” – ha spiegato Giorgetti. Le potenzialità offerte dal mercato cinese sono enormi se si considera, per esempio, che sui social la community straniera più diffusa è quella indonesiana. Per il momento è stata attivata a Pechino la prima official partnership con un brand cinese Alpenwater (segmento “acque minerali”), nel corso dell’AC Milan China Resource Sharing Seminar. “Un accordo per certi versi simbolico, perché i contatti sono iniziati ancor prima che nascesse Milan China”, ha sottolineato il CCO rossonero. “Un’azienda che ha acquistato, tra l’altro, uno stabilimento di una realtà italiana del settore (l’acqua Paradiso, nda). Alpenwater è uno dei sei nuovi partner commerciali del Milan arrivati in questa nuova stagione. Questa operazione nasce anche dal fatto che ci siamo affidati ad un management cinese specializzato al 100% in marketing sportivo (le risorse destinate a questa struttura sono per il momento dieci ma cresceranno a regime fino a 30)”. E a conferma della crescita sul mercato in esame c’ è il trend di sviluppo su Weibo (il Facebook cinese), dove il Milan ha più di 650 mila fan, primo club italiano e quarto a livello mondiale.

(prima parte – continua)

 

Previous post

Sport Business Management: Marketing, comunicazione, gestione dei diritti sportivi e sponsorizzazioni

Next post

Milan: le ragioni marketing del divorzio dal brand Adidas

Marcel Vulpis

Marcel Vulpis

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.