All newsAltre LegheAltri eventiCalcioCalcio.InternazionaleDigital Media SportDiritti di immagineEconomia E PoliticaFair Play Finanziariohome pageIstituzione e Attualità

Calciomercato: gli affari che hanno scritto la storia di questo sport

CALCIOMERCATO: GLI AFFARI CHE HANNO SCRITTO LA STORIA

(di Andrea Ranaldo) – Il colpo di Capodanno più fragoroso arriva da Oltremanica: a partire dal 1° gennaio, Virgil van Dijk sarà un giocatore del Liverpool per la cifra “monstre” di 84 milioni di euro. L’ex Southampton diventa così il “difensore” (nel suo ruolo specifico) più caro della storia del calcio, surclassando il brasiliano David Luiz, passato dal Chelsea al Paris Saint Germain per 63 milioni di euro nell’estate del 2014.

L’impressione, è che dovremo presto abituarci a questi canoni di spesa, soprattutto in Premier League: il calcio inglese, dopo anni di oblio, sta ora vivendo il suo Rinascimento grazie agli introiti miliardari dei diritti TV – pari a circa 4 miliardi di euro all’anno – e al consolidato settore del merchandising, con entrate che superano i 3 miliardi di euro.

Tuttavia le “spese folli” non sono appannaggio esclusivo dei club britannici: nella storia del calcio sono state molte le trattative che hanno fatto clamore, e in questo articolo andremo a ricordare i 10 trasferimenti più onerosi di sempre.

POSIZIONE NUMERO 1: Neymar

DA: Barcellona A: Paris Saint Germain
VALUTAZIONE: 222 milioni di euro

ANNO DEL TRASFERIMENTO: 2017

INGAGGIO: 36,8 milioni di euro
GIUDIZIO RENDIMENTO: PROMOSSO

È stato il colpo dell’anno e, forse, il trasferimento del decennio: un investimento da 222 milioni di euro – pari alla clausola rescissoria – subito ripagato in campo. Neymar, in questi primi cinque mesi al Parco dei Principi, ha già dimostrato a tutti di avere la stoffa per essere l’erede naturale di Messi e Cristiano Ronaldo, con gol, assist e giocate da vero marziano. Un investimento a 360 gradi, e che frutta anche milioni di euro di introiti in merchandising: a soli pochi giorni dal suo arrivo, erano già state vendute più magliette con il numero 10 del brasiliano di quanto non avessero fatto quelle di Di Maria – il grande acquisto del 2016 – nell’arco dell’intera stagione. Un suo ipotetico addio, con destinazione Real Madrid, di cui si vocifera nelle ultime settimane, sarebbe un’autentica mazzata non solo tecnica, ma soprattutto di immagine per le ambizioni del Paris Saint Germain e dello sceicco Nasser Al-Khelaïfi.

  • POSIZIONE NUMERO 2: Ousmane Dembélé

DA: Borussia Dortmund A: Barcellona
VALUTAZIONE: 105 milioni di euro + 40 milioni di bonus
ANNO DEL TRASFERIMENTO: 2017
INGAGGIO: 12 milioni di euro
GIUDIZIO RENDIMENTO: NON GIUDICABILE

Seconda posizione per il giovane Ousmane Dembélé, francese classe 1997 messosi in luce in Bundesliga con la maglia del Borussia Dortmund. Il suo trasferimento al Barcellona, a una cifra probabilmente non congrua per il suo attuale valore, è strettamente legata alla cessione obbligata di Neymar: i blaugrana, trovatisi con l’acqua alla gola per la difficile sostituzione del fenomeno brasiliano, hanno fatto all-in su un giocatore dall’enorme potenziale, ma ancora privo d’esperienza nel calcio che conta. Un investimento, per ora, poco fortunato, visto che il francese è sceso in campo solamente in due occasioni prima di infortunarsi gravemente. Poco male: il Barça, forte di un vantaggio in LIGA di 9 punti sull’Atletico Madrid, e addirittura di 14 sui rivali di sempre del Real, sembra non avere risentito della sua prolungata assenza.

  • POSIZIONE NUMERO 3: Paul Pogba

DA: Juventus A: Manchester United
VALUTAZIONE: 105 milioni di euro
ANNO DEL TRASFERIMENTO: 2016
INGAGGIO: 17 milioni di euro
GIUDIZIO RENDIMENTO: RIMANDATO

Un capolavoro prima tecnico, e poi economico della Juventus: Pogba, prelevato nel 2012 a parametro 0 dal Manchester United, è stato, in seguito, rivenduto proprio ai Red Devils per 105 milioni di euro, cifra che nel 2016 rappresentava il record assoluto. La sua nuova avventura inglese, per il momento, è una continua alternanza tra luci e ombre: se è vero che un suo gol è risultato decisivo, in finale, per la vittoria in Europa League – con conseguente qualificazione diretta alla Champions League, dopo averla mancata in campionato -, è altrettanto vero che era lecito attendersi molto di più dal suo rendimento. Il francese, invece, sembra da tempo ancorato ai suoi standard giovanili: alti, molto alti, ma lontani dall’eccellenza assoluta a cui potenzialmente sembrava poter aspirare a inizio carriera.

  • POSIZIONE NUMERO 4: Gareth Bale

DA: Tottenham Hotspur A: Real Madrid
VALUTAZIONE: 100 milioni di euro
ANNO DEL TRASFERIMENTO: 2013
INGAGGIO: 17 milioni di euro
GIUDIZIO RENDIMENTO: PROMOSSO CON RISERVA

Il gallese, nato terzino e trasformatosi, nel tempo, in micidiale attaccante, è stato nel 2013 il grande colpo di Florentino Perez per tentare l’assalto alla “Decima”. Missione compiuta: Gareth Bale, durante la sua prima stagione al Real Madrid, sarà grande protagonista proprio in Champions League, dove un suo gol nei tempi supplementari è stato decisivo nella finale contro l’Atletico Madrid. Dopo le prime, esaltanti, tre stagioni, il motore di Bale si è purtroppo inceppato: una serie infinita di infortuni hanno minato, e di molto, il rendimento del gallese, e non è un’eresia ipotizzare un suo possibile sacrificio nel corso della prossima sessione estiva di calciomercato, con possibile ritorno “a casa” in Premier League.

  • POSIZIONE NUMERO 5: Cristiano Ronaldo

DA: Manchester United A: Real Madrid
VALUTAZIONE: 94 milioni di euro
ANNO DEL TRASFERIMENTO: 2009
INGAGGIO: 32 milioni di euro
GIUDIZIO RENDIMENTO: PROMOSSO CON LODE

422 gol in 416 presenze, 3 Champions League, 2 titoli in LIGA, e innumerevoli trofei individuali: bastano queste statistiche per etichettare Cristiano Ronaldo come il più grande affare nella storia del calcio. Nell’eterna sfida con Messi, vince anche il duello di popolarità: su Facebook, 122 milioni di fan contro gli 89 milioni dell’argentino, numeri che lo ergono a vero e proprio divo dell’universo sportivo.

  • POSIZIONE NUMERO 6: Gonzalo Higuaín

DA: Napoli A: Juventus
VALUTAZIONE: 90 milioni di euro
ANNO DEL TRASFERIMENTO: 2016
INGAGGIO: 7,5 milioni di euro
GIUDIZIO RENDIMENTO: PROMOSSO

L’estate italiana del 2016 è stata scossa dall’ingaggio, da parte della Juventus, di Gonzalo Higuaín, fresco detentore del record di gol in Serie A – 36 in 35 partite: superato il primato di Gunnar Nordahl che, con 35 reti, reggeva dal 1950 – e leader tecnico del Napoli di Sarri. Un tradimento mal digerito dai partenopei, ma che si è rivelata l’ennesima scelta vincente di Marotta: il Pipita, in bianconero, ha subito centrato il double Scudetto-Coppa Italia, sfiorando il triplete nella notte di Cardiff. Proprio la Champions League è il grande sogno che ha convinto la Juventus a un investimento così oneroso: Higuaín, in questa stagione, ha una nuova chance per appagare società e tifosi…

  • POSIZIONE NUMERO 7: Romelu Lukaku

DA: Everton A: Manchester United
VALUTAZIONE: 85 milioni di euro
ANNO DEL TRASFERIMENTO: 2017
INGAGGIO: 5 milioni di euro
GIUDIZIO RENDIMENTO: PROMOSSO CON RISERVA

Strappato alla concorrenza del Chelsea, che in gioventù ne aveva intuito le doti, pur senza crederci fino in fondo, Lukaku ha avuto un impatto devastante nelle prime uscite con la maglia del Manchester United, segnando 7 reti in 7 partite. Un ruolino di marcia che, di lì a poco, è andato tuttavia ad arenarsi, e con lui anche le ambizioni di titolo dei Red Devils, ora distanti 15 punti dai cugini del Manchester City.

  • POSIZIONE NUMERO 8: Virgil van Dijk

DA: Southampton A: Liverpool
VALUTAZIONE: 84 milioni di euro
ANNO DEL TRASFERIMENTO: 2018
INGAGGIO: Non Disponibile
GIUDIZIO RENDIMENTO: NON GIUDICABILE

È l’uomo del momento. Giovane, ma non giovanissimo – è un classe 1991 -, è un centrale difensivo molto fisico, forte nel gioco aereo e in marcatura. La sua valutazione, però, appare eccessiva, anche a fronte di alcuni balbettii a livello internazionale con la maglia dell’Olanda, e a un rendimento che, in stagione, lo colloca, secondo i rating di Opta Whoscored, solamente al 15esimo posto tra i difensori con almeno 10 presenze in Premier League. La speranza dei Reds è che nelle sapienti mani di Jürgen Klopp, l’olandese possa compiere il definitivo salto di qualità. Sarà il campo, come sempre, il giudice più imparziale…

  • POSIZIONE NUMERO 9: Luis Suárez

DA: Liverpool A: Barcellona
VALUTAZIONE: 82 milioni di euro
ANNO DEL TRASFERIMENTO: 2014
INGAGGIO: 25 milioni di euro
GIUDIZIO RENDIMENTO: PROMOSSO

Talentuoso e affamato – non solo di gol: chiedere a Chiellini per maggiori delucidazioni… -, Luis Suarez è l’emblema dell’attaccante moderno, e l’unico, insieme a Cristiano Ronaldo, capace di vincere la Scarpa d’Oro giocando in due campionati diversi. Con le sue reti ha trascinato il Barcellona sul tetto nel mondo, formando, insieme a Messi e Neymar, uno dei tridenti offensivi più forti di sempre.

  • POSIZIONE NUMERO 10: James Rodríguez

DA: AS Monaco A: Real Madrid
VALUTAZIONE: 80 milioni di euro
ANNO DEL TRASFERIMENTO: 2014
INGAGGIO: 8 milioni di euro
GIUDIZIO RENDIMENTO: BOCCIATO

Abbagliato da un Mondiale scintillante, nel 2014 il Real Madrid ha deciso di puntare su James Rodríguez, trequartista colombiano capace di laurearsi capocannoniere della manifestazione iridata nonostante la sua nazionale, la Colombia, sia stata eliminata ai quarti di finale. Rodríguez arriva dunque a Madrid col pedigree del campione ma, dopo un inizio incoraggiante, vede il suo talento accendersi sempre più ad intermittenza, e finisce presto ai margini della squadra. La tribuna nella finale di Champions League di Cardiff lo convince a cambiare aria: oggi è al Bayern Monaco, dove continua la sua parabola discendente…

 

Previous post

Si chiude l'edizione 2017 dell'Italian Sport Awards

Next post

Sport: i grandi eventi che ci attendono nel 2018

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.