All newsAltre LegheAltri eventiAltri impiantiAltri SportEconomia E PoliticaPartnersPubblicitàPunto e a CapoSport.Business

Arctos dovrebbe possedere quote di minoranza in sei franchigie della MLB

(di Emanuele de Laugier) – Secondo il portale Sportico, Arctos Sport Partners (società d’investimento texana) detiene ora delle quote di minoranza nei Los Angeles Dodgers, Chicago Cubs, San Francisco Giants, San Diego Padres, Houston Astros e Boston Red Sox, tutte franchigie della Major League Baseball (MLB).

L’accordo tra l’azienda di private equity ed i Red Sox, che è stato stipulato due anni fa con il Fenway Sports Group (FSG), compagnia madre della squadra di baseball, era già noto, tuttavia è la prima volta che vengono alla luce gli investimenti negli altri 5 team della MLB. Per questo motivo, non è chiaro quale percentuale di ogni franchigia sia stata acquistata da Arctos, così come non è noto il valore delle transazioni. Al momento, solo i San Francisco Giants hanno confermato a Sportico che la società texana detiene delle sue quote di minoranza.

Se tutti gli accordi fossero veritieri, allora Arctos avrebbe delle partecipazioni in alcune delle squadre più preziose della Major League Baseball. Infatti, secondo le quotazioni di Forbes, i Los Angeles Dodgers hanno la seconda valutazione più alta della lega con 3.6 miliardi di dollari, i Boston Red Sox la terza con 3.5 miliardi di dollari, i Chicago Cubs la quarta con 3.4 miliardi di dollari, i San Francisco Giants la quinta con 3.2 miliardi di dollari,  gli Houston Astros la dodicesima con 1.9 miliardi di dollari e i San Diego Padres la diciassettesima con 1.5 miliardi di dollari.

Un singolo fondo di private equity può possedere fino al 15% di un team della MLB, il quale può vendere solo il 30% delle sue azioni ad investitori istituzionali. Inoltre, dopo che la Major League Baseball ha modificato il suo statuto nel 2019, non c’è più alcun limite al numero di squadre che possono essere di proprietà, anche se solo di minoranza, di una singola società d’investimento. Ciò significa che Arctos potrebbe aggiungere ancora più franchigie al suo portfolio.

Il cambiamento del regolamento è avvenuto perché, precedentemente, gli unici a potersi permettere delle partecipazioni in un team della MLB erano degli individui facoltosi o delle società quotate in borsa.

Oltre ai suoi investimenti nella Major League Baseball, Arctos ha delle quote di minoranza dei Golden State Warriors e dei Sacramento Kings nella NBA, così come dei Tampa Bay Lightning e dei Minnesota Wild della NHL. Inoltre, l’azienda di private equity texana è uno dei soci dei Real Salt Lake della MLS e ha preso parte al round di finanziamento della Premier Lacrosse League a giugno dello scorso anno.

Previous post

Decreto Dignità, Vezzali (Sottosegr. allo sport): “La prossima settimana prima riunione con Figc, Mef e Adm per discutere del divieto di sponsorizzazione del betting”

Next post

Formula Uno: la McLaren Racing stringe una partnership tecnologica con Google

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.