All newsAltri eventiAziendeBrandCalcioCalcio.InternazionaleEconomia E PoliticaEventihome pageIstituzione e AttualitàLiga Santander

Liga spagnola : Diritti TV divisi tra Movistar e Dazn per una cifra di 4,9 miliardi di euro

(di Michael Pellegrino) – LaLiga ha ufficializzato l’assegnazione dei diritti televisivi ,con un accordo quinquennale da 4 miliardi e 950 milioni di euro, a Movistar e DAZN che si divideranno le partite di ogni turno del campionato spagnolo.

Il nuovo contratto, che andrà dall’inizio della stagione 2022/23 fino alla fine 2026/27, vede DAZN effettuare una significativa acquisizione di diritti in Spagna e termina il monopolio di Movistar come unico partner di trasmissione nazionale. Entrambe le emittenti avranno a disposizione cinque partite per turno, ad eccezione di 3 giornate intere a stagione, mentre Movistar, emittente di proprietà di Telefónica (storica multinazionale di tlc spagnola), avrà l’esclusiva.

Il precedente accordo triennale di Telefónica, del 2018, valeva 2,94 miliardi di euro (3,32 miliardi di dollari). Il nuovo contratto quinquennale vedrà aumentare i ricavi dei diritti nazionali della Liga da 980 a 990 milioni di euro (circa 1,12 miliardi di dollari con un incremento del 1%).

L’aumento, seppur minimo, rappresenta una vittoria per LaLiga spagnola nel mercato dei diritti media. Se si analizzano gli altri campionati europei (in particolar modo la Bundesliga, la Serie A e la Ligue 1) si riscontra una riduzione di valore nei ricavi dai media (rispetto alla precedenti partnership nazionali di trasmissione ufficializzate negli ultimi 12 mesi) .

La English Premier League (EPL), invece, ha deciso di rinnovare i suoi accordi nazionali alle stesse condizioni per altri 3 anni.

Nei pacchetti messi in vendita verrà data particolare importanza al Clásico, il big match tra Real Madrid e Barcellona, i cui incontri determinano la composizione stessa dei pacchetti venduti. In alcuni lotti sono però previste limitazioni sulle partite di Real e Barça contro le altre quattro “big” della Liga (Valencia, Atletico Madrid, Athletic Club e Siviglia). LaLiga, inoltre, assumerà, a proprie spese, determinati mezzi per rendere più attrattiva e migliorare la qualità visiva da parte degli utenti : elicotteri nelle partite decisive e nel Clásico, telecamere aeree e droni per le dirette.

LaLiga si è dichiarata soddisfatta di continuare il rapporto con Telefónica, come partner per i diritti audiovisivi, dando nel contempo il benvenuto a DAZN. che detiene già i diritti esteri nel mercato italiano (oltre che in Austria, Germania, Liechtenstein, Lussemburgo e Giappone).

In merito alla vicenda è intervenuto anche il co-amministratore delegato di DAZNJames Rushton : “l’assegnazione dei diritti per LaLiga rappresenta per noi un investimento locale strategico in un mercato chiave. Questa è l’ulteriore prova che siamo ben oltre il punto di svolta nella migrazione dei fan dalla Pay TV lineare ai servizi di streaming”. 

Previous post

Sport e criptovalute: stipendi pagati in moneta digitale per le calciatrici della NWSL

Next post

Ritorno alle origini per il "Fenomeno": Ronaldo acquista il “suo” Cruzeiro

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.