All newsAltri eventiCalcioCalcio.InternazionaleChampions LeagueFIFA - UEFAIstituzione e AttualitàSport Business

La “torta” dei ricavi per i 32 club della UEFA Champions League

Partecipare anche ad una sola edizione della Uefa Champions League è sempre un affare per i football club, soprattutto per quelli iscritti alla fase a gironi. Su una stima totale di 3,25 miliardi di euro di ricavi commerciali lordi, la cifra disponibile da distribuire alle squadre partecipanti sarà di 2,55 miliardi di euro, di cui 2,04 miliardi per i club partecipanti alla Champions e alla Supercoppa e 510 milioni per i club della Europa League. L’organismo di Nyon trattiene 295 milioni per coprire i costi organizzativi delle competizioni, mentre 227,5 milioni saranno destinati ai premi di solidarietà.

In questa nuova edizione pertanto i 32 club qualificati si divideranno una “torta” di 1,95 miliardi di euro (mentre l’Europa League è vale poco più di 560 milioni).

La suddivisione della “torta” – ll montepremi per le squadre inserite negli 8 gironi da 4 prevede una parte fissa ed una variabile: il 25% (488 milioni di euro) viene assegnato come bonus partecipazione (è diviso in parti uguali tra tutti i club); il 30% (585 milionii è calcolato sulla base del ranking Uefa sulla base dei risultati degli ultimi 10 anni. Un ulteriore 30% (585 milioni) è in base ai risultati conquistati in campo. Il restante 15% fa parte del cosiddetto “market pool” (circa 292 milioni di euro) erogato dall’Uefa considerando i valore tv di ciascuna squadra in ambito nazionale e il numero di gare che il club riesce a disputare nel torneo.

Nell’ultima edizione la “starting fee” collegata all’inserimento nella fase a gironi è stata di 15,2 milioni di euro. Poi, per ogni vittoria, si incassano 2,7 milioni, mentre per il pareggio soltanto 900 mila. Superata la fase a gironi gli ottavi valgono 9,5 milioni di euro, i quarti 10,5 milioni, mentre la semifinale ben 12 milioni.

Le finali Uefa 2021 – Conquistare la finale 2021 (si giocherà, Covid permettendo, all’Atatürk Olimpiyat Stadı di Istanbul) vale 15 milioni di euro. Vincerla ulteriori 4 milioni di ricavi. La squadra che alzerà il trofeo al cielo incasserà altri 3,5 milioni, per l’accesso alla Supercoppa europea (vi partecipano le squadre vincitrici di Champions e dell’Europa League), in programma, nell’agosto 2021, al Windsor Park di Belfast (Irlanda del Nord). Il club vincitore infine incasserà un assegno del valore di 8,5 milioni.

Vincere per guadagnare – L’Uefa ha sempre lavorato per spingere una filosofia premiante. Più si vince infatti più si guadagna. Un team che riuscisse a vincere tutti match, dalla fase a gironi alla finale arriverebbe ad incassare più di 82,2 milioni di euro. Nella realtà il valore del budget a disposizione può essere ancora più significativo. Nell’ultima stagione il Bayern Monaco ha vinto il trofeo guadagnando complessivamente più di 130 milioni (nella stagione precedente il Liverpool si è fermato a 111 milioni).

Questo risultato è stato raggiunto sommando anche la quota collegata al cosiddetto “market pool”.  E’ la quota distribuita in base al valore proporzionale del mercato televisivo di un determinato paese, ed è influenzato, principalmente, dal numero di squadre partecipanti della stessa federazione, e dalla loro posizione in classifica nel campionato nazionale precedente.

Previous post

ZALANDO PUNTA SULL’ESPORT E DIVENTA SPONSOR/RIVENDITORE UFFICIALE DEL TEAM HERETICS

Next post

Lotta alla pirateria: 5 milioni di utenti italiani rischiano pene e multe pesanti

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.